5 shades of Rebel: No Label Rebel

Questo è un post in collaborazione con Daniela di Shopping and Reviews, Golden Vi0let di Make me up, Golden Vi0let, Lidalgirl di A Colourful Mess e Takiko di Soffice Lavanda.
L’idea che c’è dietro nasce da un fatto curioso, ovvero di esserci trovate tutte e cinque a possedere lo stesso rossetto, Rebel di MAC.
Confrontando foto e swatches, ci siamo rese conto che su ognuna di noi era diverso, a volte quasi irriconoscibile. Non solo per il diverso stile di ognuna nell’usarlo e nell’abbinarlo, ma anche e soprattutto per questioni fisiche: diverse tipologie di pelle, di sottotono, di colore delle labbra e di forma delle stesse.
Da qui la proposta: ognuna di noi ha creato un look usando come punto in comune proprio Rebel.
Il risultato di questo esperimento dovrebbe essere da una parte far vedere diversi modi di indossarlo, dall’altro mostrare quanto un rossetto possa essere diverso a seconda di chi lo indossa.
Non solo per via di tono e sottotono di pelle e del colore naturale delle labbra, ma anche delle luci (dovute a orari e collocazioni geografiche differenti) e di tutti quegli elementi che possono influire sulla resa del colore.

Io sono Misato, NW15 o un filino meno direbbe MAC (extra light per il loro fondo finto-minerale).
Significa che sono chiara chiara di pelle, il minerale mi classifica come fair, e ho un leggerissimo sottotono rosato, accentuato da rossori che combatto strenuamente, ma il mio tono di base è neutrale.
Le mie labbra sono parecchio pigmentate, sui toni del berry, leggermente più chiare del mio MLBB, Craving, sempre di MAC Cosmetics.

Il look che vi presento si chiama No Label Rebel, perché non ha seguito un’idea precisa, ma più la “sensazione” che certi colori potessero funzionare, assieme e su di me.
Tali toni sono Duochromes della omonima palette di Neve Cosmetics più degli opachi dalla Ultra Darks di Sleek, perché in No Label Rebel convivono due identità, la brillantezza dei toni indefinibili dei duochromes complessi di Neve unita all’opaco dei matte Sleek.
E in mezzo c’è lui, Rebel, che è un Satin. Non abbastanza opaco da poter essere classificato come Matte, ma non troppo brillante per poter essere posto in uno qualunque degli altri finish di MAC che non fosse il satinato.

luce indiretta del primo pomeriggio, fuori in balcone, sud Italia

Sì, avevate già visto il prototipo su facebook.
E’ un po’ che sto sperimentando con la Duochrome E Rebel, anche perché Chiara mi fece notare che con Rebel qui ci sono pochissimi looks (considerate che come dicevo nella review sua mi dura una quaresima e che ne ho consumato quasi metà e capite il perché mi cosparga il capo di cenere. Perdono, Rebel! ç_ç ); ero un po’ indecisa su quale includere nella collaborazione, poi l’ho rifatto per fotografarlo con delle luci umane ed eccolo qui.

A ben vedere, la base di partenza per gli occhi è costituita dalla mia accoppiata del cuore, quel viola-verde che per me rappresenta la bellezza del contrasto dato da toni complementari.
Al tempo stesso, però, il verde è di quelli che io non utilizzo moltissimo, perché è tra l’oliva e l’acido, mentre il viola è caldo, e io prediligo l’altra sponda.
Tuttavia ero convinta che sarebbero andati d’accordo e volevo provarlo; ho cercato di portare Pioggia Acida più su del mio solito (anche se mi rendo conto che dalla prospettiva delle foto non si noti molto…) e di sfumargli dentro Chimera; all’estremità ho aggiunto una specie di borgogna-vinaccia opaco, mentre all’interno ho una sorta di illuminante ottenuto con Mezza Estate.
Pioggia acida è anche sotto all’occhio, volevo un tono chiaro per non appesantirlo.
Altri due opachi completano l’opera, un carne sotto l’arcata perché sottolinei la parte shimmer nella maniera più discreta possibile, e un bianco nell’angolo interno che mi aiuta tantissimo con le occhiaie.
Volendo delineare l’occhio sempre senza appesantirlo, ho scelto quale eyeliner un borgogna… che ho utilizzato anche sulle sopracciglia XD
Trovo che Dark Diversion funzioni veramente tanto così, inoltre è facilissimo da applicare… già lo adoravo, ora ancora di più.

Per la base ho utilizzato il meno coprente dei miei fondotinta e un fard borgogna.
Spero di non dover parlare delle labbra… XDDD anche se devo sottolineare che ho fatto solo una passata perché trovo Rebel coprentissimo (prossimamente ve lo mostrerò più calcato, ciòè come non l’avete mai visto su questo blog).

Di Rebel adoro la versatilità, che apprezzerete anche negli altri looks… non è un tono tranquillissimo, ma è meno acceso di quel che si direbbe, anche per via del finish più vicino all’opaco che ad ogni altro.
Su di me nonostante sia coprente vira verso il fucsia-violaceo… le mie labbra tirerebbero fuori l’amato fucsia da qualunque cosa se potessero XDDDDD
Trovo che risulti anche luminoso, in qualche modo… è un colore che mi basta sentir nominare da terzi, e mi viene voglia di utilizzarlo.
Mi sa che è anche per questo che lo possiedo da meno di un anno ed è a metà.

Prodotti usati:
* Occhi
– Too Faced Shadow Insurance Lemon Drop
– Ombretti Pioggia Acida, Chimera, Mezza Estate, White Bunny di Neve Cosmetics, Villan e Dune di Sleek
– Fluidiline Dark Diversion di MAC (le)
– Too Faced Perfect Eyes Eyeliner Perfect Peacock nella rima interna
– mascara Multi Action (rosa) di Essence
– False Lashes Concentrate Volume top coat mascara di Kiko

* Viso
– correttore Full Cover n.4 di Make Up For Ever
– correttore Pro longwear NW15 di MAC sulle occhiaie
– fondotinta minerale Inquisitive Siamese Puuurfect di Meow Cosmetics
– Adjustable colour blush “sumptous burgundy” di Kiko (Chic Chalet, 2011)
– illuminante Strobe Cream di MAC Cosmetics
– cipria Hollywood di Neve Cosmetics

* Sopracciglia
– matita Lingering di MAC

* Labbra
– matita automatica n.511 di Kiko
– rossetto Rebel di MAC

Per vedere gli altri looks:


Trackbacks

  1. […] una passata e via. Ma i miei preferiti sono tutti più pieni, si sa, e levare qualcosa come un Rebel o un Lady Danger è un’impresa titanica, sia perché devo strofinare da matti, e riapplicare […]

  2. […] lip liner 512 (la matita di Potent Fig) – Kiko automatic lip liner 511 (la matita che uso con Rebel) – Shaka automatic n.9 Queen Purple – Kiko Smart 715 (la matita che uso con Goes and […]

  3. […] è la matita che io uso per Rebel di MAC (e l’avete vista tante volte qui, per esempio… look a caso); rispetto a Sfilata è leggermente più violacea; la Beet di MAC (che pure si riesce a sfruttare […]

  4. […] giapponese” in maniera ciclica, perché laggiù ogni fine è un nuovo inizio. Era da Rebel che cominciò tutto. E’ Rebel che vi saluterà… andando a scardinare un’altra […]

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: