Il calderone di Gaia – Olio della dea Agrumi Review

Un po’ di tempo fa Misato è stata omaggiata con una serie di prodotti del Calderone di Gaia, un marchio italiano in circolazione da qualche tempo con sede a Monterotondo, luogo a cui sono legata da un estenuante rapporto di amore-odio su cui non volete ulteriori particolari (del rapporto, dico, sul paese in sé ho poco da dire) XD
(chiedeteglielo il perché, fatemi fare quattro risate :PPP ndMisa)
Uno di questi era l’Olio della dea, inviato però nella profumazione agrumi, e come ben sanno gli aficionados di questo blog, non è proprio cosa per lei.
Quindi me l’ha prontamente rifilato ben sapendo quanto consumo io faccia di prodotti del genere.
(è stata un’offerta, giuro :P anche perché io me lo sono poi comprata in una profumazione diversa XD ndMisa)
L’olio, come tutti i prodotti del Calderone, è venduto in una confezione di latta.
Il mio è il formato da 50ml, ma è disponibile anche da 100. Il dosatore è preciso e non fa uscire troppo prodotto, il che trattandosi di un olio è importante per evitare di far casini ovunque se si è impedite come me.

Il Calderone di Gaia - Olio della dea

Se seguite questa rubrica sapete già dei miei capelli secchi.
Ebbene, oltre a quelli, di secco ho pure le gambe (la pelle. Per il resto ci vorrebbe un miracolo XD).
Anzi più che secche io le definisco aride. Ma aride tipo che, contrariamente a quanto consiglia il buon senso e il produttori delle infernali macchinette, non posso passarmi il silk epil dopo la doccia perché la pelle mi tira troppo. Capite quindi che lo spalmaggio di un qualcosa di idratante è (vabbè, diciamo dovrebbe essere) uno step fondamentale del mio dopo doccia.

Non sono particolarmente schizzinosa e mi faccio andar bene di tutto: creme, burro, e ovviamente anche oli.
Questo Olio della dea è abbastanza corposo ma si assorbe piuttosto in fretta, caratteristica interessante soprattutto d’inverno quando vuoi solo sbrigarti e mettere le terga al sicuro dal freddo gelido.

In estate il prodotto si comporta altrettanto bene, nonostante il caldo torrido asciuga subito e non trasuda dalla pelle. Come tutti gli oli è meglio applicarlo sulla pelle umida, cosa che faccio comunque perché tanto se mi asciugo senza idratazione in estate mi spello in un nanosecondo.

Per me sarebbe finita qui, ma lo scorso aprile ho fatto una gitarella a Bologna con la padrona di casa, mia moglie e la sempre carinissima Darkness. Nel corso della giornata abbiamo incontrato Daniela, assidua lettrice del blog, che oltre averci portato a mangiare roba Buona mi ha chiesto se avessi provato l’olio sui capelli. Come mai non ci avevo pensato? Boh, ma la ringrazio per l’idea.

Ho provato poi l’olio sia da solo che in combo con altri prodotti tipo la lozione ricci morbidi di Biofficina Toscana, ma le prestazioni non sono complessivamente cambiate. Prima di scendere nei particolari, dico subito che lo preferisco sulla pelle, e del resto è lo scopo per cui è stato pensato.
Il suo primo punto a sfavore è che non districa. Questo può non importare a tutti ma com’è facile immaginare a me sì XD
In seconda battuta, è un po’ pesante. Se state appena un po’ abbondanti i capelli rimangono leggermente unti. Questo tutto sommato non mi dispiace (già sento le urla di raccapriccio) ma ricordate sempre che ho i capelli secchi e li preferisco così all’effetto scopa di saggina. Considerando però i miei capelli, non so bene quanto ne potrebbe usare chi abbia capelli normali o grassi (una goccia XD?)

Un aspetto invece davvero positivo è l’odore. In generale, trovo che tutti i prodotti del Calderone che ho avuto modo di provare/sniffare abbiano profumazioni ottime e discretamente persistenti, e l’olio non fa eccezione. Sui capelli dura un po’ di più, mi sembra, ma sulle gambe lo sento per diverse ore, cosa che non mi capita quasi mai.

In definitiva, trovo l’Olio della dea un prodotto valido, più adatto forse a chi ha pelle e (soprattutto) capelli secchi. Per tutti gli altri, consiglio una mano leggera sul dosatore XD

E voi, che preferite per il dopo doccia?

Il prodotto di cui parlo in questo post mi è stato omaggiato dalla ditta che lo produce, Il Calderone di Gaia; non sono stata pagata in alcun modo per scrivere questo articolo né avevo vincoli per farlo e le opinioni che ho espresso sono strettamente personali e regolate dalle linee programmatiche del blog disponibili nel Disclaimer dello stesso.

Comments

  1. Hanno sede a Monterotondo? non lo sapevo. E dire che da lì alla mia vecchia casa non ci sono che una quarantina di minuti.
    Comunque un Olio della Dea l’ho acquistato anche io, Atmosfere d’Oriente nello specifico :) E pure a me piace solo sul corpo. Baci Lum, alla prossima review.
    LaDamaBianca recently posted…Bio Marina – Acqua Idratante Corpo all’ElicrisoMy Profile

  2. anhe io ho il deserto ome pelle… aridume a gogo… mi sa che potrebbe starci questo olietto nel mio bagno *_* poi va bhe… l’idea dell’odore agrumato a me fa sempre impazzire *_*
    Il Barbatrucco della Mokarta recently posted…Ƹ̵̡Ӝ̵Ʒ Sclerossetto Ƹ̵̡Ӝ̵Ʒ 45My Profile

  3. In questo momento, dopo il bagno, sto amando il gel freddo drenante della Geomar. Con questo caldo è un portento: quando assorbe ho quasi freddo, e la sensazione dura per una buona mezz’ora!
    tizy1289 recently posted…[Swatch & Comparazioni]: 05 Heavy Cherry – Kiko, Limited Edition Rebel RomanticMy Profile

  4. Io adoro le essenze agrumate *__* tuttavia di secco ho ben poco <<''' coff coff, io e questo concetto siamo abbastanza distanti.
    Però ci sono delle aree del corpo tendenti a secchezza, sarebbe bello agrumarle un po' v__v sin ora ho provato solo i Cristalli Liquidi di questo brand (agrumati pure lloro *_*) e l'aroma delizioso insieme alle ottime prestazioni mi hanno già reso più positiva nei suoi confronti XD
    Lucia recently posted…[Review] Labo Pure Flower – Rossetto Durata Brillante 02 Old Rose & 04 Fire RedMy Profile

  5. Giuliana Andrea says:

    Ciao ciao Lum,che si fa per le amiche,eh?
    Eccoti in un nuovo post in cui ti ritroviamo immolata per la causa. Misato è fortunata XD
    Avete unito le due cose,la difficoltà della padrona di casa per la profumazione,e l’esigenza della tua pelle. Perché diciamocelo,per alcune di noi si deve parlare di esigenza. Ed io ti capisco,perché squamo…soprattutto sulle gambe. Ho da sempre avuto la pelle secca li,ed ho utilizzato prevalentemente creme. Ma non ho disdegnato olii ed olietti vari. Per profumazione ho adorato,ne ero dipendente,l’olio di Monoi. Adesso utilizzo una crema di La Roche Ponsay consigliata dalla dermatologa e ogni tanto ci aggiungo qualche goccia di olio di jojoba

  6. Paradossalmente pure avendo la pelle a tendenza grassa, mi trovo meglio con oli ed i burri piuttosto che con le creme/lozioni/fluidi in special modo durante la stagione calda. I motivi sono due, uno gli oli a differenza delle creme mi si assorbono che è una meraviglia e li trovo più pratici, e due al contrario delle creme non mi fanno venire bollicine sotto pelle.

    Questo agli agrumi mi piacerebbe provarlo, come del resto anche altre cose de Il calderone di Gaia.
    Patri – LAismydream recently posted…Trucco del giorno – 22 Agosto “Normale amministrazione”My Profile

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: