La Cremerie – Scrub Corpo Lomi Lomi Review

NOTA BENE: questo post recensisce un prodotto che mi è stato mandato in prova valutativa dalla ditta che lo produce.
Ringrazio La Cremerie per l’opportunità, la mia politica valutativa (spiegata nel Disclaimer del blog) tuttavia non cambia e si basa come sempre sulla reale utilizzazione del prodotto.

Dopo averne letto per anni sui blog altrui, quest’anno La Cremerie è sbarcata anche qui: il brand romano di skincare (per ora! al Cosmoprof 2016 si è intravisto del make up!) specializzato in prodotti dall’inci naturale e dalle profumazioni ricercate non poteva che incuriosirmi, se sbirciate il tag dedicato trovate già diversi post con impressioni varie ma da oggi si approfondisce il tutto!
Parto con lo Scrub Corpo Lomi Lomi (un nome un programma!), il primo che ho aperto banalmente!

La Cremerie – Scrub Corpo Lomi Lomi

Info fondamentali
Scrub corpo a base di fiore monoi di Tahiti e di hibiscus prodotto e commercializzato da La Cremerie attraverso il proprio sito ufficiale e i negozi fisici e online che espongono il marchio in confezioni da 480ml al prezzo orientativo di 24,90 € euro.

Impressioni generali
Nutro una particolare simpatia per i suoni onomatopeici per cui ammetto che quando Francesca de La Cremerie mi ha presentato lo Scrub Corpo Lomi Lomi il suo nome mi ha strappato un istintivo sorriso.
E anche se nella mia testa suona come un qualcosa di giapponese, in realtà rimanda a una tecnica di massaggio hawaiana, pertanto lo trovo appropriato per un prodotto che è venduto per lo più nel canale delle SPA… e in ogni caso è carinissimo e tanto basta XD

Contenuto in una non leggerissima confezione di vetro (trasparente, evviva!) lo scrub Corpo Lomi Lomi de La Cremerie è a base di sale marino… non ne avevo mai provato uno simile e ammetto che ero curiosa, non so chi mi aveva sconsigliato di farlo perché esso risulta spesso troppo esfoliante per pelli delicate qual è la mia ma devo dire che almeno nel caso dello scrub Lomi Lomi sono riuscita a smentire tale problematica subito.
E fin qui… tutto ok, ma è un prodotto che non mi ha convinta per la mia pelle e che presenta anche qualche problematica “assoluta” che va al di là del tutto: dalla mia foto non si vede (ma da quella ufficiale sì, cliccate sul link!), ma lo scrub si presenta come una grossa quantità di prodotto propriamente esfoliante immersa in olio che si separa da esso.
Per utilizzarlo bisogna mischiare bene il contenuto, ma la confezione non è all’altezza dello stesso e, una volta rotto il sigillo di garanzia, bisogna stare attenti a chiuderla benissimo e non è proprio facile: il pericolo che parte dell’olio si versi è altissimo, a me è successo tutte le volte che ho avuto a che fare con esso: nel portarlo a casa, negli utilizzi sul mio corpo (3, mi sono arresa presto), nel fare le foto per il blog (ecco svelato perché nelle mie non si nota come dovrebbe… ho rovinato lo sfondo del blog stesso, non sono riuscita a levare quella macchia di olio in nessun modo!), nel portarlo a chi l’ha ereditato.

Anche la modalità di utilizzo suggerita dall’azienda mi lascia perplessa: a loro dire basterebbe un cucchiaio abbondante per tutto il corpo… sarà che sono adulta ma a me un cucchiaio pare una roba da Barbie e non mi capacito di come sia stato descritto in tale modo.

Dulcis in fundo la sua natura estremamente oleosa non lo rende un prodotto per ogni tipo di pelle: sulla mia che è sensibile ma normale ciò risulta un problema perché non si assorbe MAI.
E quando dico MAI intendo veramente mai, non mi lascia quella bella sensazione post scrub di pelle rigenerata, più liscia ed elastica ma mi fa sentire… unta, e quindi sporca.
La parte oleosa rimane sulla superficie della mia pelle anche quando ho rimosso tutto il resto e se voglio averne ragione devo lavarmi con abbondante detergente, il che è un controsenso in termini.

Piccola nota personale sull’odore: a me non fa impazzire, probabilmente è meno dolce di quanto mi sarei aspettata (ci sono prodotti La Cremerie che invece mi mandano in brodo di giuggiole per ‘sto motivo, tioi quelli Melograno e kiwi… ne riparleremo!), quindi se vi spaventa quell’aspetto con il Lomi lomi andate sul sicuro, se invece siete sul lato al limite dello stucchevole della forza guardate altro XD

…in definitiva
Non mi sento di consigliare a chiunque lo Scrub corpo Lomi Lomi de La Cremerie perché trovo che la sua natura estremamente oleosa si sposi male con tutte quelle pelli che non sono secche: sulla mia che è normale ma sensibile risulta impossibile far sciogliere correttamente il prodotto e soprattutto farlo assorbire, col risultato di non riuscire a esfoliarsi ma di doversi poi lavare via l’unto quale “effetto collaterale”.
Pertanto se avete la pelle non secca evitatelo, altrimenti probabilmente lo amerete.

Voi l’avete provato?
Qual è il vostro scrub corpo preferito e perché?

Il prodotto di cui parlo in questo post mi è stato omaggiato dalla ditta che lo produce a scopo di eventuale recensione; non sono stata pagata in alcun modo per scrivere questo articolo né avevo vincoli per farlo e le opinioni che ho espresso sono strettamente personali (come tutte le altre che avete sempre letto su questo blog).

Comments

  1. Ho visto questi prodotti su diversi blog e dal vivo solo quest’estate, in una stupenda profumeria in provincia di Roma. Mi hanno frenato i prezzi perché qualcosa lo avrei provato volentieri. Anche questo scrub potrebbe piacermi dal momento che sul corpo la mia pelle tende a seccare.

  2. Non ho una grossa passione per gli scrub,solitamente mi scrubbo con i fondi del caffè riciclati e mi ci trovo benissimo(sono gratis e fanno un buon profumo *i love coffee*);fra l’altro avendo la pelle secca ci pensa già lei ad esfoliarsi autonomamente,dò una grattata giusto a fine estate per uccidere i residui d’abbronzatura,e fino al settembre successivo bye bye XD
    Con questa premessa,diciamo che è estremamente improbabile che decida di investire 25 euro per un vasetto di scrub,che comunque sembra un prodotto di buona qualità,con un profumo adatto a me (odio le cose stucchevoli) ed una formula adatta alla mia pelle,appunto parecchio secca!
    Peccato per la confezione poco pratica per miscelare la parte oleosa con quella scrrubbosa,forse l’azienda potrebbe pensare dei vasetti più piccoli,più maneggevoli e con un prezzo più abbordabile per le neofite ;)
    melissa recently posted…Ad Agosto piove verde – Heavy rotation a tema(più o meno) HUGE PHOTO POSTMy Profile

  3. Uso spesso scrub da mischiare perchè la parte oleosa si separa, ma La Cremerie dovebbe rivedere il packaging: già dalla foto si capisce che è troppo alta e tretta per farlo agevolmente con la mano, che è il metodo che di solito uso per questo scopo.

  4. Il nome è veramente carino e mi piace anche la confezione (anche se col vetro mi vedo già a far danni in doccia), ma il prezzo è proibitivo per me. E poi man mano che leggevo pensavo “ok no non è decisamente per me XD”. Non ho la pelle secca, quindi riscontrerei più o meno gli stessi problemi, anzi! Tanto sul viso quanto sul corpo mi piacciono le azioni strong. Di scrub marini io ne ho provati quello di Bottega Verde (anni fa e ne ho un brutto ricordo) e due di Geomar, che vendono anche in bustine, comodo per provarlo prima di acquistare la confezione grande. Anche questi vanno miscelati e se non si fa attenzione c’è sempre quel problema di chiusura che magari si sporca e granelli che finiscono proprio là e senti quando avviti il coperchio, ma finora sono i miei scrub preferiti, hanno un ottimo profumo ed esfoliano molto bene Credo che forse sarebbero troppo forti per una pelle delicata però. Uno scrub senza sale marino che ho provato è della linea bio dei supermercati Despar, che per me ha un’azione blanda, ma ha un ottimo prezzo e forse sarebbe apprezzato da chi preferisce un’azione più dolce!

    • ti dirò… l’ho fatto cadere pure un paio di volte, senza problemi. il vero guaio per me è stato l’olio…
      In fiera sicuro costa meno ma non ti so dare coordinate specifiche: a me non serviva nulla né a Roma né a Bologna, per cui ho preferito limitarmi ai prodotti che mi sono stati omaggiati.
      Ammetto che a parte questa esperienza… finora ho provato altro che mi è piaciuto (qualcosa mediamente qualcosa tanto) per cui alla prossima occasione potrei cedere anche senza avere necessità a breve.

      il Geomar vorrei provarlo ma ho paura per il discorso pelle delicata infatti…
      mi piacerebbe provare pure Atollo 13 di Lush.

      non sapevo neanche che l’avessero… non so se ci siano punti vendita qui, dopo guardo su google!
      Misato-san recently posted…Mermaid or Unicorn?My Profile

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: