La triade sacra

Giorni fa vi raccontavo la storia di quell’amico mio (riciao <3 ) che mi aveva fatto una proposta truccosa interessante che era sfociata in un look-scoperta perché una "roba del genere" non l'avevo mai fatta.
Se non aveste letto il post o se non ricordate di cosa io stia parlando lo trovate qui.
Già in quella sede avevamo discusso di fare un “corrispettivo freddo” di quel look, solo che stavolta non si tratta di colori che ama lui ma di toni congeniali a me, e così le “regole” del gioco le ho potute stabilire in prima persona. (non ho ancora capito se mi ha sbolognato il lavoro decisionale o cosa. XD
Comunque freddo rulez nel mio cuore, quindi poco male)

Per me colori freddi vuol dire la mia triade sacra, chi legge il blog da qualche anno già sa qual è.
Quindi ho stabilito che dovesse essere qualcosa nei miei tre colori fondamentali (blu-teal-viola freddo), stop.
Nessuna limitazione di forme o di quantità di sfumature usabili purché si stesse in quella triade.

Una volta deciso tale aspetto mi son ritrovata a dover fare i conti con uno stash limitato (del tipo che avevo UN viola freddo solo dietro. Non so come diamine sia possibile), con un rossetto mancante (20 minuti per convincermi che no, non ce l’avevo proprio con me!) e poi… ho improvvisato perché ho cambiato totalmente il progetto iniziale per via della mancanza del rossetto.
No, non avevo intenzione di crearlo da me. (e non dirò qual è perché metti che mi viene voglia di applicarmi e fare anche quella versione… XD)

La triade sacra

La triade sacra

La triade sacra

La triade sacra

La triade sacra

La triade sacra

Le foto si sarà intuito non sono di quel giorno (tranne le ultime due, scattate a luce artificiale e ore dopo averlo trafficato) perché c’era troppa poca luce per ottener qualcosa di passabile… l’orario solare e l’inverno sempre più vicino non perdonano (e io li odio!).

Ecco… è un look-triade-sacra un po’ diverso da quelli del “passato”, in cui avrei giocato sicuramente la carta del the brighter the better! che è ancora una parte importante di me, ma un po’ meno di un tempo.

Son partita dalle labbra perché il tema della settimana era “rossettoni scuri” e Punk couture per giunta è un viola abbastanza freddo da essere totalmente it rispetto al tema.
Non so perché ma spesso quando uso gli scuroni sento l’esigenza di truccare prima le labbra, in parte mi aiuta a entrare in un mood “non mio”.

Poi ho cominciato a costruire gli occhi… l’idea era avere i tre colori ben definiti nella parte superiore dell’occhio, tutti distinguibili ma non per questo posizionati in maniera casuale o troppo netta.

Son partita dal tono centrale, che è Cool heat, il teal… ho scelto lui e non qualcosa di più chiaro perché sapevo che il blu alla fine sarebbe stato scurissimo, in parte perché con gli ombretti più scuri sto cercando di costruire un rapporto, in parte perché mi è venuta in mente l’associazione con l’altro amico che ha preso parte alla cosa, per una serie di motivi che non saranno oggetto di disquisizione qui Contrast mi fa sempre pensare a lui. <3
Chiamiamolo omaggio e chiudiamola qui ;D

L’esigenza di partire dal centro è mera comodità personale, mi aiuta a prendere le misure su dove posizionare i colori (non che sia una persona precisa né che aspiri ad esserlo, ma se si devono vedere tutti e tre per me questo è il modo più facile per arrivarvi, anche se non sono certa di quanto renda in foto)
Il viola che troneggia sulla parte grossa della palpebra mobile è anche il tono più chiaro usato e non poteva che essere l’amore mio, Parfait Amour… al di là dello stash limitato se non l’avessi usato per un trucco del genere mi sarebbe sembrato un delitto, passano gli anni ma il mio cuore è sempre suo.
Tra l’altro si è poi rivelato (senza che ci mettessimo d’accordo XD) l’ombretto comune a tutti e tre i look di quel giorno XD

Ho delineato la parte inferiore dell’occhio con un altro blu scuro (credo che Blue storm sia il mio pigmento blu preferito ever proprio!) nella parte più esterna e Steamy in quella più interna, poi ho dato una passata di Petrol blue sfumata come eyeliner (matita perché volevo un effetto meno netto e definito di quello che avrei avuto con altri strumenti).
Infine ho lavorato sull’angolo interno, che a me diverte sempre molto… in foto rende zero, ahimé, perché ho deciso di usare i Reflects Transparent teal di MAC su una base chiara: è una modalità questa funzionale sotto le luci giuste (specie qualsivoglia roba artificiale – è un look nato per non essere visto alla luce naturale alla fine!), ma ardua da fotografare coi miei mezzi.
Il che di solito mi scoraggia a proporre look coi glitter sul blog, ma stavolta ho deciso di fregarmene, alla fine questo post nasce più come memoria personale di un pomeriggio splendido che per altri motivi.
Mascara, ovviamente.
L’unico nero ammesso!

Per il viso la base è un po’ la solita del periodo, ho qualche problema di pelle che mi ha fatto accantonare l’amato minerale ma ciò non mi ha fermato dallo scegliere un blush non opaco (per mantenere il mood freddo ho preso solo la parte lavanda del Sakura, IL mio blush preferito di sempre, ignorando il cuoricino magenta) e dallo spiaccicarmi dei glitter al posto dell’illuminante in più punti del viso.
Come sopra… l’effetto era fighissimo, in foto stendiamo un piumone pietoso ecco T_T
Tra l’altro li ho passati sopra al primer occhi MAC per stare tranquilla in termini di aderenza e non mi ha tradito neanche in tale veste!
Niente cipria perché con le temperature tristemente calate e il Prolongwear waterproof praticamente mi serve solo come vezzo, quel giorno non ne avevo e a livello di prodotti son stata filologica nella ricostruzione.

Inutile dire che anche se ho apportato qualche variazione rispetto ai miei schemi classici da “look con la triade sacra” (tra cui il clamoroso tradimento del mio blu preferito con roba molto più scura di lui XD) questo è probabilmente uno dei trucchi più in mia confort zone “classica” che abbia fatto negli ultimi due anni, una sorta di ritorno alle origini con la consapevolezza che il mio mondo ormai non è tutto qui.
Ma anche un sentirsi a casa, perché i colori freddi restano i miei preferiti, emotivamente parlando.
Per me la casa non è un luogo fisico ma un posto mentale in cui stai bene con te stesso.
In cui sei con la giusta compagnia.
E in cui io mi sento libera di essere me stessa.

Che ne pensate?
Cosa fa “casa” nella vostra esperienza cosmetica?

Prodotti usati:
* Occhi
– Paint Untitled di MAC Cosmetics
– Ombretti Parfait amour, Cool heat, Contrast, Steamy, Ready to Party, pigmento Blue Storm di MAC Cosmetics, Antique White di Nabla Cosmetics
– Glitter Reflects Transparent Teal di MAC Cosmetics
– Pearlglide Intense Eyeliner Petrol Blue di MAC Cosmetics
– Magic Pencil Nude di Nabla Cosmetics
– Upward Lash Mascara di MAC Cosmetics

* Viso
– Prolongwear Concealer NW15 di MAC Cosmetics
– Prolongwear Waterproof Nurishing Foundation NW15 di MAC Cosmetics
– Glitter Reflects Transparent Teal di MAC Cosmetics
– Mineralize Skinfinish Lightscapade di MAC Cosmetics
– Mineralize Blush Sakura di MAC Cosmetics

* Sopracciglia
– Brow Divine Neptune di Nabla Cosmetics (prodotto inviatomi a scopo valutativo dall’azienda)

* Labbra
– Automatic Lip Liner 512 di Kiko Make up
– Rossetto Punk Couture di MAC Cosmetics

Comments

  1. Stavi benissimo anche con la versione calda, però questa versione stravince! Ma sono di parte, anche per me i colori freddi sono “casa”, prima o poi farò mio il “tuo” Parfait Amour. Ah si voglio che Punk Couture entri in permanente, quando è uscito non avevo uno store nei paraggi e non avevo rischiato l’acquisto a scatola chiusa, male. Detto ciò forse avrei sfumato Prerogative di Nabla lungo l’attaccatura delle ciglia! Il colore è magnifico ma una pigna in fatto di stesura, arriverà mai la sua versione n°2?

  2. È il tuo trucco! Stupendo!

  3. Come al solito il cellulare non collabora, ma io ci provo lo stesso! Il look è figo strafigo, e persisto a dire che la frangia così mi piace, forse perché è abbastanza ribelle! La preferisco ad una che scende dritta e perfetta, così sembra come quelle disegnate nei manga. Sicuramente col mio sottotono di pelle cozza parecchio sto look, ma potessi ci uscire tutti i giorni! 💙

    • grazie!
      no io la odio, i capelli erano lavati da un’ora e va dove va lei… ç______________ç
      la mia dritta e perfetta non la vedrai mai, però così è troppo.

      però è vero che fa un po’ manga, ci pensavo mentre editavo le foto perché spesso a prescindere dall’autore chi porta la frangia ha ‘ste sopracciglia che si vedono in trasparenza che mi hanno sempre fatto troppo ridere (perché dal vivo è una cosa zero evidente, secondo me)

      beh l’altro cozzava abbestia col mio XD
      e sono sopravvissuta.
      Misato-san recently posted…[Misato-san vs… look series] tutto caldo aka DoppelgängerMy Profile

  4. Questa triade piace tanto anche a me, in ordine di preferenza indico il viola, il blu e il teal <3
    Hai ragione, non inserire Parfait Amour sarebbe stato proprio un delitto ;)
    Foffy recently posted…I’m a boogey…lipstick – Luscious cream “523 Nero” Kiko reviewMy Profile

  5. Bellissimo questo look Misato! Sara’ che i colori freddi sono anche una mia sicurezza,poi con la pelle chiara l’effetto mi piace molto. Come ti trovi con Punk Couture? Perche’ io lo adoro come colore ma la stesura e la durata mi hanno delusa,non e’ omogeneo e tende ad essere troppo cremoso,anche con una matita sotto si infila nelle pieghette delle labbra…preferirei una formula piu’ secca.

    • grazie :D

      no io no, se fosse più secco facilmente si sgretolerebbe.
      io mi trovo come nel post linkato, non l’ho mai recensito perché tanto non si trova più.
      A me non si infila nelle pieghe (posto che non tutte le matite sono uguali), la durata non è male anche se farlo rimanere omogeneo se mangio non è proprio fattibile… questa è mediamente una caratteristica di molti scuri, sia MAC che non.
      Misato-san recently posted…Born this way – #ComingOutDayMy Profile

  6. “Stendiamo un piumone pietoso” ahahahahah muoio, questa te la scrocco in futuro XDDD
    Il look mi piace da matti *____* Al solito, se trovo gli ombretti giusti prima o poi lo provo XD
    Mi unisco al club delle amanti della triade sacra, nel mio caso l’ordine è: teal, blu e viola al secondo posto alla pari XD
    Punk Couture è troppo perfetto per questo look <3
    Ariel Make Up recently posted…♕ Paciugopedia 3.0 ♕ Episode 2 ♕My Profile

  7. La mia triade sacra è banale non poco e lo sai già, però ora che ci penso in realtà è un quartetto. In ordine di preferenza: marrone caffè, nero, blu notte e verde petrolio. Io parto dalla ferma convinzione che sono gli unici ombretti che mi stanno bene e perciò non indosso nient’altro, tranne quando faccio cose per il blog (e mi strucco prima di uscire u.u)
    Con i caldi sembro un’eroinomane, complice non solo il sottotono freddo ma anche l’occhio molto grande e sporgente, con i colori chiari (su di me teal è già chiaro) risulto slavata, la gamma dei prugna/borgogna mi spegne tantissimo e questo non me lo spiego, non capirò mai la ragione.
    In fatto di rossetti sono più aperta e mi concedo ogni tanto qualche bizzarria, ma anche lì ho la mia triade: borgogna/prugna scuri, rossi intensi molto freddi e fucsia scuri. Se faccio lo smokey nero nerissimo allora faccio una sorta di nude che è un mescolone, non me lo far descrivere che non ci riesco u.u
    annalisa recently posted…Contouring di Kim Kardashian: yes we can.My Profile

  8. Giuliana Andrea says:

    A proposta interessante ecco che ne segue una altrettanto interessante XDDD
    Identifichiamo subitissimo la tua triade,già XD …ma sono l’unica che si aspettava la rima interna con uno dei tuoi bright? Che fosse un look con molti meno bright di qualche tempo fa lo hai scritto…ma quest’esplorare mi stupisce. Non vederla in negativo,assolutamente! Anzi,vorrei dirti che mi piaci con la matita chiara XD
    E Moreno ha indossato anche lui Punk couture? A te sta meravigliosamente,te l’ho già detto,ma va sottolineato :D

    Io sono banalissima…perché per me fa casa il rossetto rosso. Pure ai tempi in cui mi truccavo con una semplice riga di matita,lui poche volte mancava.

    • in rima interna avrei dovuto mettere uno dei tre colori, e mi sembrava che facendolo… risaltasse meno quello utilizzato poi sotto.
      Quindi ho deciso di correggerne solo il rossore!

      no il prodotto totalmente in comune era Parfait amour come scrivevo nel post!
      Da qualche parte nei commenti su facebook Mario ha messo una foto delle loro versioni ai tempi!

      la casa non è mai una cosa banale, perché riguarda noi e il nostro rapporto coi cosmetici e coi colori… il rosso è un classico ma non è banale!
      Misato-san recently posted…Wham! Bam! VIVA GLAM! – In the waiting line (MAC Cosmetics Viva Glam Miley Cyrus 2 lipstick look series 2)My Profile

      • Giuliana Andrea says:

        Bella mossa allora! Si dice così? X

        Che curiosità che mi hai messo…ora devo recuperare i loro look :D

        Ecco,non che volessi sminuirlo,il rosso mi da soddisfazioni. Ed in un momento come questo in cui ne ho tanto ma tanto bisogno,vado tanto di rosso!

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: