Nars – Radiant Creamy Concealer swatches, comparazioni, look, review

Oggi parliamo della mia esperienza con un correttore famoso, uno di quelli che è una sorta di “prova obbligata” per chi come me ha un contorno occhi a tendenza secca e deve combattere con il problema del prodotto che entra nelle pieghette!
Dopo quasi due anni di utilizzo (non continuativo, dubito che possa durare così tanto una singola confezione!) è venuto il tempo di tirare due somme…

Nars - Radiant Creamy Concealer

Info fondamentali
Correttore cremoso illuminante prodotto e commercializzato da Nars Cosmetics attraverso il suo sito ufficiale e in negozi selezionati della catena Sephora, esclusivista del marchio in Italia.
La confezione contiene 6ml di prodotto per un costo di circa 30 euro.

Impressioni generali
Il Radiant Creamy Concealer di NARS è un correttore cremoso venduto in 10 colorazioni con vari sottotoni… dopo un iniziale introduzione dei primi nel nostro paese per fortuna Sephora ha deciso di portare tutta la gamma qui da noi, e per me ai tempi è stato un bene, sono chiarissima di pelle e pensavo mi servisse il primissimo (Chantilly), invece facendo una prova in negozio ho scoperto che quella tonalità risulta un filo grigia sulla mia pelle.
Ciò mi ha portato a scegliere Vanilla, quella che Nars chiama “Light 2” (nella scala di Nars Cosmetics non esiste la denominazione fair, quindi colleghi di chiarore di pelle… non vi spaventate, ci considerano anche se non sembra! XD )

La confezione è una di quelle modello gloss, stretta lunga e con applicatore a spugnetta per prelevarlo; la plastica è parecchio spessa ma trasparente, si può controllare quanto prodotto vi sia dentro ma quando esso comincia a scarseggiare diventa difficile prelevarlo… devo dire che non sono una grande fan di questo tipo di confezione, sia perché l’applicatore trovo che non sia mai sufficiente per stendere il prodotto come si deve sia perché è difficile finirlo interamente.

La consistenza del Radiant Creamy concealer è cremosa ma non fluidissima, tuttavia si stende senza particolare sforzo perché è tutt’altro che pastoso e non lo diventa neanche a tanti mesi dall’apertura; io preferisco aiutarmi con un pennello simil penna o con uno da sfumatura classica (sul genere 217 ma anche 221 di MAC), trovo che gestiscano meglio il prodotto rispetto alle dita.
Nella confezione di questo correttore è contenuto un bugiardino multilingue che promette meraviglie e ne parla come di un prodotto adatto ad ogni utilizzo: per mascherare le occhiaie, per le imperfezioni e persino per migliorare la pelle a livello di rossori, rughe e magagne varie… confesso che mi ha stupito un po’ leggerlo perché si tratta di un prodotto pensato per essere illuminante (io con Chantilly potrei farci la base dei miei chiari per lo sculpting, è quasi del gialletto adatto – ne parlavo qui), e dal momento che i colori chiari a livello correttivo hanno la funzione di allargare e mettere in evidenza a me è sembrato fin dal primo utilizzo inadeguato per le imperfezioni, perché è come mettere una freccia sopra un eventuale brufolo per esempio… da un lato lo copre, ma il tono chiaro espone pure la correzione all’attenzione altrui.
Per completezza di esperienza ho fatto qualche prova in negozio anche con le due colorazioni immediatamente successive ma per me sono troppo scure; di conseguenza quale camouflage non posso promuoverlo per problemi legati a colorazione e finish inadatti allo scopo.

Sulle occhiaie invece mi piace, la coprenza è modulabile e mi basta davvero pochissimo prodotto per ottenere l’aspetto fresco e riposato che voglio da quella parte del volto; tuttavia anche per tale utilizzo lo trovo un filo troppo illuminante nella misura in cui la mia pelle chiara è spesso afflitta da rossori… se indosso il Radiant Creamy Concealer devo necessariamente usare anche un fondotinta, o l’effetto è di occhiaia coperta ma rossori come accentuati.
Non ho riscontrato neanche effetti positivi su rughette d’espressione e simili, ma claim o meno dell’azienda se dovessi dire che me le aspettavo mentirei.

Detta così si potrebbe pensare che a me il prodotto tutto sommato abbia deluso, ma in realtà così non è: oltre alla stesura facile e al fatto che funziona bene in combo con varie creme contorno occhi (la base per un correttore è importante!) senza seccarmi la zona che già non parte da una condizione di idratazione ottimale (anche se è migliorata tanto, la pelle sempre a tendenza secca rimane lì) dura da mattina a sera senza seccarsi e senza entrare nelle linee di espressione in qualunque stagione.
In più funziona bene in combo con qualunque fondotinta io lo abbia provato (7 tra prodotti in polvere, liquidi, in crema…) e non ho neanche bisogno di fissarlo: dove lo metto lì lo trovo quando vado a struccarlo col mio solito dischetto con latte detergente, che siano passate 5 ore o 12 non fa differenza, che faccia caldo o freddo le sue prestazioni rimangono ottime.
Devo dire che avendolo swatchato diverse volte in negozio prima di decidermi all’acquisto anche l’aspetto “troppo” luminoso non mi ha delusa, nel senso che me lo aspettavo quindi anche se nella valutazione generale va a influire, non mi ha lasciato con un palmo di naso ai primi utilizzi.

Piccola ma doverosa notazione finale: spesso il Radiant Creamy Concealer di Nars viene paragonato a quello che da anni è il mio correttore preferito, quel Prolongwear di MAC Cosmetics che avete visto probabilmente nei 3/4 dei look pubblicati in questi anni… è anche uno dei motivi per cui ero curiosa di compararli in prima persona, devo dire.
Personalmente parlando trovo delle similitudini nella resa dei due prodotti ma il MAC è un po’ più fluido e inoltre, essendo meno illuminante, riesco a utilizzarlo serenamente anche sulle imperfezioni quando ritengo di averne bisogno; in più su di me funziona anche senza fondotinta (riesco a usare senza particolari problemi persino la tonalità subito più scura!).
In più a livello di rapporto quantità-prezzo MAC offre 9ml di prodotto a praticamente 10 euro in meno.

Love Song (feat. Nabla Cosmetics' Artika collection)

Look completo con più foto qui

COMPARAZIONI

Nars - Radiant Creamy Concealer comparazioni

Nars - Radiant Creamy Concealer comparazioni

da sinistra a destra: Liquid Camouflage High Coverage Concealer 010 Porcelain di Catrice – Full cover camouflage n.4 di Make Up for Ever – Prolongwear Concealer NW15 di MAC Cosmetics

Il Catrice risulta un po’ meno rosa, il Make up for ever più arancio, il MAC è meno luminoso e con un sottotono meno marcato.

Altre comparazioni qui (Nabla, Wycon)

…in definitiva
Mi è piaciuto parecchio il Radiant Creamy concealer di Nars, anche se rispetto alla descrizione dell’azienda non lo trovo così versatile perché un correttore illuminante posto sulle imperfezioni le evidenzia.
Pertanto lo promuovo per le occhiaie ma non per altri utilizzi, e lo trovo un po’ costoso a livello di rapporto quantità-prezzo, anche in virtù del fatto che non è sfruttabile che per una problematica specifica.

Voi lo avete provato?
Preferite correttori multiuso o non vi dispiace averne uno per ogni problematica specifica?

Comments

  1. Devo dire che mi incuriosisce molto, l’ho acquistato qualche settimana fa per una mia amica e stavo proprio aspettando di saperne qualcosa di più.
    Sicuramente ne terrò conto al prossimo acquisto :)
    Skinki recently posted…Stavolta ho toccato il fondo #35My Profile

  2. Mi ci sono trovata molto bene con questo correttore,però devo dire che dopo averlo acquistato due volte l’ho abbandonato per via del prezzo…troppo poco prodotto ad un prezzo non proprio economico.Adesso sono già alla seconda confezione del Mineralize di Mac, ormai il mio preferito perchè è molto idratante e non mi segna le rughette intorno agli occhi. Certo la coprenza è minore,però preferisco così XD

  3. Portatrice sana di contorno occhi secco e pallido, eccomi! ^.^
    Una delle ultime volte che sono passata da sephora per prendere il correttore ero indecisa proprio tra questo Nars e quello Urban Decay sempre liquido, optando per quest’ultimo più per una questione di prezzo che performance (mi sembravano molto simili), però ammetto che mi è rimasta la voglia di provarlo, anche se con l’UD mi trovo benissimo, e non escludo di prenderlo in futuro. Certo, non per le imperfezioni del viso ovviamente XD
    A occhi chiusi avrei preso la tonalità più chiara, ma buono a sapersi che anche la 2 è adatta a noi pallidine.
    Ora sono però molto incuriosita da quello Mac, trovare un correttore tuttofare non mi dispiacerebbe affatto XD
    Redditude recently posted…haul #15 Il Giardino di AriannaMy Profile

  4. Anche a me piace, e pure tanto. .. è davvero uno dei pochi – tra quelli da me provati – a funzionare bene su un contorno occhi molto secco. Un mezzo miracolo!
    Ma concordo con te, su imperfezioni e discromie – che mi capita spesso di avere – non è il massimo, per cui è diventato un piccolo lusso da acquistare raramente.

    Non mi resta che prendere in considerazione il Prolongwear Concealer, dato che con i correttori eco-bio ultimamente ho un rapporto abbastanza tormentato.

  5. Questo correttore l’ho recensito anche io non molto tempo fa. Non mi dispiace, ma ho decisamente sbagliato la colorazione. Di solito li uso per le occhiaie, ma anche per piccolissime imperfezioni, quali capillari e, quando capita, brufoletti, per cui preferisco un solo prodotto che faccia tutto. Tempo fa avevo l’HD Concealer di MUFE ed era ottimo.
    Lisbeth recently posted…This is the End 07.16My Profile

  6. Lo voglio provare da un anno e passa ma rimango sempre sul Mac.
    Mi besia un po’ il rapporto quantità prezzo, è vero che lo userei solo sul contorno per uniformare e con un altro correttore sempre aperto durerebbe parecchio, ma tra il tipo di confezione che odio e il prezzo sono sempre restia. Il pack così è uno dei motivi per cui non ho mai voluto prendere il mineralize e per cui ho abbandonato il select moisturecover.
    Dovrei ricomprare il prolongwear a breve, se Sephora tira fuori uno sconto entro fine mese lo prendo, altrimenti penso che rimarrò sul solito.
    Rs recently posted…Maschera scrub delicata e asciugante al riso e cetrioloMy Profile

  7. Io amo questo correttore! Contorno occhi secco e sensibile al rapporto: dopo i 30 ho iniziato a curarlo in maniera quasi maniacale, per mantenere quegli anni in meno che mi danno sempre (e che fanno piacere a questa età!). Il correttore è lo step fondamentale di questa cura: delicato, idratante, che non finisce nelle pieghette e che si strucca senza sfregare. Il Nars finora è il mio preferito, però non ho provato quello Mac che tu ami perché ogni volta in negozio mi scordo di chiedere un campioncino (io tonta!). Ma è nella mia wishlist.
    lenuccia recently posted…Lush III parte – SaponiMy Profile

  8. È da anni che voglio provarlo ma ancora non lo prenderò. Anch’io pensavo a vanilla per le occhiaie e chantily per il contouring!

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: