Parlando di rossetti e dei vari tipi (con intro al mondo dei MAC)

Rossetti, rossetti, rossetti, croce delizia e mia personale passione, lo sapete.
Se eliminiamo i prodotti occhi (ombretti e matite in primis), sono in assoluto la cosa che mi rapisce di piu’, e nel corso degli anni un po’ ho sperimentato, perche’ ricordo di aver comprato il mio primo rossetto a 13 anni e non mi e’ mai passata… siccome meditavo da tempo qualche review e una carrellata di quelli dei marchi che amo di piu’ (a partire da MAC visto che ora c’e’ lo store online e la voglia di levarsi qualche sfizio aumentera’), un intro post mi sembra doveroso.

Quando si parla di rossetti notavo che il mondo si divide in persone che li amano, persone che li amano e li conoscono, e persone che ne hanno paura… a volte i confini sono sfumati, e spesso nel cercarli si utilizza il criterio del colore, che se e’ abbastanza misero quando si parla di ombretti, nel caso dei prodotti labbra lo e’ ancora di piu’, perche’ il range di colori considerato portabile e’ stretto (si va dai rossi ai viola passando per arancione, rosa e poco altro!), e quindi una sfumatura e un effetto possono davvero fare la differenza tra quello che sta bene, quello che sembra naturale su di noi e quello che dovremmo evitare come la peste.

Altro fattore importante da considerare e’ il tono naturale delle proprie labbra, perche’ esso andra’ a cambiare sia la scrivenza del rossetto sia ad alterare il colore. Un rossetto molto leggero e trasparente su labbra belle pigmentate diventa inutile, ergo andra’ bene a chi non voglia mostrare troppo che ha qualcosa sulle labbra ma non lascera’ soddisfatta chi invece voglia del colore su di se’. Ed e’ una di quelle cose che ho imparato a mie spese quando ancora non avevamo youtube, i beauty blog e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. (io non avevo neanche la mamma che si trucca tra l’altro, ne’ amiche appassionate… autodidatta integrale!)

Da questo punto di vista per me il passo per innamorarmi dei rossetti MAC e’ stato breve, perche’ al contrario di molte altre case hanno i propri rossetti divisi per finish, ossia per il tipo di effetto che andranno a fare sulle labbra, e a finish corrisponde anche tipologia di coprenza, per cui quando li si guarda e si chiede: “cos’e’?” parlando della finitura, si ha gia’ un’idea di cosa aspettarsi. Non esaustiva, ma e’ una traccia.
[Ovviamente, nel mio caso l’amore non e’ dipeso solo da quello, ma vi racconto meglio poi perche’ preferisco spendere 18 (a volte 20, per i Prolongwear) euro per un solo colore anziche’ la stessa cifra per, che so, 3 rossetti di un marchio ignoto.]

Poi il resto lo fan le prove (in negozio e nei corner si possono provare i rossetti, li igienizzano e ci sono anche pennelli usa e getta atti allo scopo. Se non lo sapevate… ^_^ Ovviamente e’ gratuito e non richiede alcuna forma di acquisto, per cui potreste anche considerare delle prove per “farvi l’occhio” su cosa vi stia bene o per valutare le formule e la durata su di voi) e magari un filo di esperienza che solo i tentativi danno. Senza timore, perche’ la frase: “mi stan male tutti i rossetti” che ogni tanto leggo e’ FANTASCIENZA. XD
Cosi’ come e’ fantascienza, consentitemelo, dire che il rosso e’ solo per la sera (altra credenza comune), perche’ esistono rossi accesi e altri che sono un velo impercettibile di colore, e la differenza si vede.
(e non mi addentro in discorsi su come taluni volti per caratteristiche di tratti e colori riescano a portare colori accesi facendoli risultare naturali perche’ non finiremmo piu’)

I rossetti MAC in particolare sono interessanti perche’ si dividono nei seguenti finish:
Glaze: estremamente sheer, ossia pigmentazione quasi nulla, sono un velo di colore luminoso che si vede solo su labbra dalla pigmentazione naturale scarsa
Lustre: effetto lucido, pigmentazione da blanda a media per quelli costruibili [review
Cremesheen: cremosi nella consistenza e nell’effetto sulle labbra, di buona pigmentazione (dal medio in su) e coprenza
Cremesheen+Pearl: finish introdotto nel 20143, sono dei Creamsheen ai quali è stata aggiunta una particolare perla che dona loro una brillantezza tutta particolare!
Non risultano però né glitterati né frost, si tratta di uno degli effetti più complicati da percepire senza vederli di persona perché l’effetto resta comunque discreto ed è molto influenzato da come sono colpiti dalla luce.
Frost: effetto metallizzato, coprenza media ma costruibile
Amplified Creme: forse il finish piu’ strano di MAC, alcuni sembrano cremosi altri fanno un effetto satinato sulle labbra, altri ancora son quasi frost o_O li accomuna pero’ la coprenza, bella alta
Satin: satinati, ossia quasi opachi, coprenza alta review
Matte: opachi, coprenza alta review
Dazzle: lo includo per completezza ma non è un finish di quelli permanenti (ha esordito nel 2010 ma non si è visto spesso, l’ultima volta con la Temperature Rising del 2013, qui.
Si tratta di rossetti dalla coprenza semi sheer ma costruibili in alcuni casi fino ad arrivare a una tonalità media, pieni di microglitter visibili sulle labbra (ma che non si avvertono granché).
Una cosa a metà tra il Frost, il Cremesheen+Pearl (ma meno coprente!) e il Glaze.
Ma coi glitter.

in piu’ esistono le seguenti linee:
Prolongwear Lipcreme: coprenza da media ad alta, sono a meta’ tra amplified e satin come effetto review, review 2
Sheen supreme: glossati, ossia dall’effetto lucido ma piu’ coprente di un gloss medio, discretamente coprenti per la tipologia di prodotto
Mattene (limitata, di solito proposta in collezione autunnale): semi-opachi ma non satinati (strano ma vero), coprenza alta review
Kissable lipcolour (limitata, proposta la prima volta nel 2011 in collezione invernale e riproposta quest’anno con la Shop Shop Cook Cook) : rossetto liquido. Coprenza medio-alta (a seconda del colore), vestono lucidi e diventano opachi. review
Mineralize Rich Lipstick, introdotti nel 2013, finora sono quasi tutti in collezione permanente.
sono a metà tra i Cremesheen e gli Amplified, il finish ricorda i primi, la tenuta però è migliore e la coprenza è quasi sempre ottima con una sola passata. [swatches gamma
Ultimate, introdotti nel 2015 come finish e permanenti solo in alcune parti del mondo.
Sono leggerissimi sulle labbra ma ben pigmentati e durevoli. [swatches gamma, impressioni]

I Viva Glam nella mia rassegna a puntate saranno sempre inseriti per finish perche’ anche se gli introiti vanno *tutti* per il fondo per la ricerca contro l’AIDS sulle labbra il discorso non cambia ;D
Semmai, personalmente parlando penso che siano gli unici per cui cercare un dupe sia un po’ triste, per ragioni etiche ovviamente.

Nel prossimo periodo ci sara’ qui recensione di tutti i finish meno Glaze (ho le labbra pigmentate, non spenderei neanche 2 euro di un Essence per un finish del genere ^^ ) e Matte (non ne ho ancora uno per problemi di range di colori, anche se forse mese prossimo uno lo acquisisco ^^ nel caso ovviamente lo saprete, se non qui lo spoiler su fb arrivera’ XD se volete posso farvi una scroccoprova pero’ XD).
Degli Sheen Supreme e’ presente una scroccoprova che ha determinato la fine della mia esperienza con essi. (edit: ci voglio riporovare…)

E voi? Come vi comportate quando scegliete un rossetto?
Vi affidate al mero colore o pensate al finish e ad altri fattori?
Preferite tanti toni a poco prezzo o pochi ma buoni? (o tanti ma buoni?)

Comments

  1. ottima guida! :)
    elisa vs makeup recently posted…Royal Effem: Compact Blusher Luminous TouchMy Profile

  2. Comare una correzione, Pro Longwear Lipcreme. Ché ci sono anche i Lipcolour che sono quelli con la tinta da una parte e il gloss dall’altra ;)
    Lidalgirl recently posted…Review e Shopping Guide: My MAC PaletteMy Profile

    • perche’ mi ricordo sempre il nome sbagliato perche’? T_T
      (e perche’ mi e’ pesato il culo di prendere Perpetual Flame e controllarlo? XD)
      grazie, sei comodissima <3

      • I rossetti MAC li sto studiando, ma piano piano, lentamente, per assaporarne il piacere della scoperta! Ottima guida che pubblico sulla mia pagina subito… ed a proposito di culi pesanti mia mamma (che usava un fondotinta meraviglioso ma io ero troppo piccola per ricordarne la marca, ma nè ricordo molto bene il profumo che andavo ad annusare di nascosto…) diceva che “le donne devono avere la molla sotto al culo” perchè son quelle che si alzano sempre prima, soprattutto degli uomini… la mia m’è cresciuta dopo aver messo al mondo un figlio, prima non funzionava ^__-
        ciao ciao…

  3. Penso a tutte queste cose messe insieme. Sicuramente mi deve colpire/piacere il colore. Poi desidero che sia coprente perché ho le labbra scure e se compro un rossetto desidero che si veda. E poi il finish indubbiamente: quelli che amo meno sono i mat perché odio la sensazione di labbra secche.
    Per quanto riguarda il prezzo dipende: se un giorno ho uno sconto generoso mi concedo anche un pezzo più costoso.
    LaDamaBianca recently posted…La Domanda della SettimanaMy Profile

    • siamo su onde simili, io non disprezzo i mat ma perche’ qualcuno non seccante c’e’. Solo che va cercato, per cui piedi di piombo rulez XD
      Sul prezzo… non mi sono mai spinta oltre MAC perche’ mi han preso cosi’ tanto questi rossetti che faccio fatica a cercare altro…

  4. Post molto utile! Sono proprio ora alle prese con la composizione del carrello sullo store on line, non ho mai provato nulla di Mac :-)
    stellacometa26 recently posted…Yes To Carrots: Gentle Exfoliating Facial CleanserMy Profile

    • spero ti aiuti un pochino, poi se hai domande chiedi… se giri per il blog ci son molti looks con rossetti MAC (e altri prodotti), diversi swatches e prossimamente arrivano le review dei prodotti labbra ^_^

  5. Io ultimamente sto comprando molti meno rossetti a buon mercato (non che facessi follie eh ma per me anche solo nn guardare la nyx vuol dire molto ;P) per potermi togliere qualche sfizio mac ogni tanto e sono contenta di questa scelta. Prima ho potuto sperimentare e vedere quali fossero i colori che mi piacevano di più e che mi stavano meglio non spendendo molto ed ora sto ”investendo” sui toni che so già piacermi.
    Anche se il primo rossetto Mac fu davvero una ‘mattata’ ripensandoci ora ghgh
    Darkness recently posted…Lush – Erba libera detergente visoMy Profile

    • stessa storia mia. li guardo, li studiacchio, pero’… prenderli e’ diverso. Mi incuriosiscono molto i Kiko che ormai non si possono piu’ definire nuovi ma mi levero’ lo sfizio quando saranno in promo; gli Shaka… son riuscita a resistere diverse volte, vorrei sapere com’e’ la qualita’ pero’ poi penso: “voglio il [inserire nome del rossetto MAC che in quel momento mi viene in mente dalla wishlist[” e desisto.
      Quindi nel complesso ho comprato molti meno rossetti da quando mi son decisa a comprare Costa Chic, ma che mi danno una soddisfazione veramente grossa…
      Per NYX stesso discorso mi piacciono molto ma quando penso che non li posso provare un po’ mi rompo (in realta’ se fosse venduta in Italia sarebbe il marchio a cui cederei, per il prezzo che ha).

      Io pensavo che non avrei mai speso 18 euro per un rossetto XDDDD

  6. Ahahaha tanti ma buoni! XD Per ora ne ho pochi ma non male, mi piacciono molto i Catrice. Non escludo che farò un acquisto MAC però, appena me lo potrò permettere e mi sarà necessario. La lista di finish e la spiegazione è stata molto utile comunque, ci speravo XD
    Ere Kanezawa recently posted…Award: I love your blog!My Profile

    • Beh, anche solo di MAC non ne ho pochissimi. Cerco di coprire ogni range che posso consentirmi (non possiedo arancioni infatti XD), pero’… col fatto che li utilizzo tanto e con piacere, mi viene anche piu’ voglia di acquistarne… son mesi che non guardo quasi rossetti di altri brand, li swatcho anche e poi penso: “no, ma poi non posso prendermi [inserire nome di rossetto MAC del momento]” ^^

      se mi dici cos’altro ti piacerebbe vedere sul marchio se mi sento ferrata diventa un post ^^

  7. io ho cominciato da poco ad acquistare rossetti degni di questo nome e c’è poco da fare, quando ne provi uno MAC anche Chanel e YSL passano in secondo piano (per quanto faccia le bave anche per quelli).. credo che oltre alla catalogazione per finish sia anche per la varietà di colori che possono andar bene per qualsiasi sottotono e che ti fanno dire “ah ma forse il *colore a caso* non mi sta male” ;) ogni tanto però qualche rossetto a prezzo più contenuto me lo prendo perché sono curiosa e impulsiva, quindi se mi fisso con un prodotto X prima o poi mi tolgo lo sfizio :D
    laura palmer recently posted…CLINIANS: LATTE+TONICO 2in1 AZIONE VITAMINA C+EMy Profile

    • concordo, uno dei punti forti di MAC è che tra finish e colori, non è difficile trovare qualcosa che ci piaccia e ci stia bene.
      Non ho esperienza dei marchi che citi perché non mi è mai capitato di sentirmene attratta (tra le altre cose), mentre sul low cost… io faccio una fatica a comprare non-MAC ormai… è capitato, ma raramente.

  8. Ti racconto la storia della mia vit…ehm….del mio rapporto con i rossetti.
    Quando ero adolescente, ovvero fine anni 90′, mi regalarono un favoloso rossetto avon (penso forse l’unico prodotto avon di buona qualità che abbia mai provato): era un bellissimo fucsia, tipo Girl About Town, ma con il finish stile Retro Matte. Siccome in quegli anni si portavano i marroncini, mattoncini ecc tutte le mie amiche me lo criticarono, dicendo che sembravo una sciocca eccentrica. Questa cosa per me deve aver rappresentato un trauma, perchè da allora mi sono limitata a gloss trasparenti o a rossettini color caffelatte sul genere “glaze” di Mac.

    Poi il mio ragazzo ebbe la pensata geniale di dirmi che a lui piacciono i rossetti belli colorati e che a me starebbero bene. Comprai un rosso di Maybelline (colore tipo runway red e finish tipo amplified) e mi accorsi che aveva ragione. Da allora ho cominciato a sbizzarririmi e ho amato Mac soprattutto per i suoi autentici Matte (che mi ricordano il mio primo amore Avon) e per gli Amplified. Apprezzo anche alcuni frost, ma solo quelli dal colore delicato come Creme de la femme (si scrive così?), Tanarama e Costa Chic.

    Invece ormai proprio non apprezzo i rossetti sheer o in generale quelli che non hanno piena coprenza (Lustre, Glaze, creamsheen), e anche se un colore mi piace e mi colpisce se non è coprente non lo compro. Amo Mac perchè mi dà l’opportunità di evitare facilmente questo genere di rossetti e ha una vasta scelta dei miei finish preferiti.
    Annalisa recently posted…Borchie Make upMy Profile

    • ti ringrazio per questo racconto, ora mi spiego perché parlassi di rapporto recente… a volte chi ci sta vicino farebbe meglio a star zitto, perché la moda non sta scritto da nessuna parte che debba collimare con quel che ci piace o con ciò che ci sta bene.

      Il tuo ragazzo ha palesemente occhio! E meno male che l’hai ascoltato, hai scoperto un mondo :D
      Tra i frost secondo me potresti provare anche il mio amato Plum Dandy (dei citati ho tutto tranne Tanarama, prima o poi mi ricorderò di provarlo XD).

      Idem, anche se i Cremesheen possono avere piena coprenza perché ce ne sono di costruibili, per non parlare di alcuni toni che sono scuri tipo Hang Up o Dare You…

      MAC secondo me è comoda perché puoi sperimentare: che tu voglia spendere o meno, meglio andare in un posto dove puoi provare su labbra un colore ed eventualmente comprarlo altrove se non te la senti di spendere che andare a occhio, soprattutto se devi costruirtelo (se hai esperienza è già diverso)

  9. Guida utilissima, grazie! Non sono rossettomane, non li uso spesso e preferisco il poco prezzo per avere più colori.
    Nella scelta credo influiscano (e faccio caso) a colore di carnagione (e del sottotono), capelli, cocchi. Al finish faccio meno caso, nel senso che -come per un sacco di altre cose- mi faccio conquistare prima dal colore, preferisco però quelli più cremosi ed idratanti.
    Laura MyMakeupBox recently posted…Back2MAC: il mio primo rossetto MAC!My Profile

    • il problema è che non guardi il finish, non puoi intuire effetto e anche formula, perché tendenzialmente alcuni sono più idrantanti di altri e in quello il finish influisce in maniera sostanziale ^^

  10. *__* Mi piace questo post rossettoso
    Quoto in toto l’affarmazione sui Viva Glam , cercare i dupes è davvero triste!
    Anche io sono del partito meglio un rossetto in meno ma di qualità! Anche perchè se un rossetto non mi soddisfa in quanto a performance, finisce che alla fine non lo uso mai e lo butto via! Gli unici low cost su cui mi sono lanciata dopo aver scoperto i Mac sono il rimmel di Kate e uno di Barry Me (un corallo pastelloso osceno XD): con il primo andò bene (al primo ne sono seguiti quattro), il secondo invece orrore, mi incartapecorisce le labbra che faccio paura ai bambini!
    The Sound of Beauty recently posted…My Experience with FirmooMy Profile

    • ne sono contenta :D

      hai capito il mio problema XD
      quando un rossetto non mi piace non lo uso volentieri e quindi mi sembra uno spreco…

      Sai che pure io ho provato quasi solo quelli che hai detto tu?
      Ho anche un Kiko figlio unico, ho testato un paio di Shaka di cui prima o poi parlerò… e un Barry M che trovi da qualche parte nel blog e che mi fa la stessa cosa che fa il tuo a te. Lo odio, non ha vinto il premio peggior rossetto 2013 solamente perché Magnetism di Illamasqua è stato ancora peggio.

  11. Giuliana Andrea says:

    Ciao cara,sono in fase di ‘ripasso finish’ argomento lustre. Oltre ad un interessante satin la Indulgence ha anche un lustre che in stick mi attrae. Essendo costruibile come lustre ci farei un pensierino XD

    • Giuliana Andrea says:

      Ooops mi è partito il messaggio. Volevo aggiungere che tengo d’occhio Specktra perché tra stick e realtà spesso c’è una differenza non poco trascurabile

  12. Lenuccia says:

    Che bella guida! Io amo i rossetti Mac. Ne posseggo alcuni, dopo aver molto ponderato gli acquisti. All’inizio, ho preso i long lasting essence per capire quali colori mi stessero meglio (e perché in vacanza non mi piace portare rossetti costosi), poi sono passata a quelli che sono i miei preferiti da tutti i giorni: i rimmel by kate. Dopo questi e i Mac non mi è venuta voglia di provare altre marche!

  13. Giuliana Andrea says:

    Da quando ho letto per la prima volta questo tuo utile post,ne è passata tanta di acqua sotto i ponti. Son contenta tu ci abbia fatto ricordare tramite FB della sua esistenza. Perché un ripasso ragionato serve sempre XD e alla luce di qualche altro anno di esperienza ancor di più. Anche se ho notato che probabilmente la parte principale del mio commento deve esser saltata. Per forza…

    La svolta è stata per me data dal l’occasione di avere lo store nella mia città. E non solo per i rossetti,un po per tanti prodotti è utile poterli toccare con mano.
    Coprenza,scorrevolezza colore e resa,tutte le idee riguardo ad un prodotto adesso è facilissimo farsele.
    Anche perché concorderai che non solo per i Cremesheen la resa cambia. Ad esempio Captive e Rebel sono entrambi satin. Captive si comporta da satinato appunto,mentre Rebel sulle mie labbra è scorrevole e cremoso quasi come parecchi dei miei Amplified. Giusto un pelino di differenza. Ricordo poi che qualche giorno fa in uno stato riportavi l’attenzione sui matte attraverso Heroine. Alla differenza di formula tra i matte del passato e quelli riformulati,siano essi LE oppure ritornati come Heroine. Ecco,concordo pienamente,ho esempi in casa,i nuovi matte son diversi,Diva per citarne uno,non è altrettanto confortevole sulle mie labbra rispetto al nuovo Heroine.
    Non ricordo di averlo apprezzato abbastanza qualche anno fa,ma trovo utilissimo pure il paragrafo sulle altre linee. Amo i Mineralize,sono la mia coperta di Linus quando ho labbra pessime. E mi dispiace avere solo un Prolongwear. Quello che ho mi piace parecchio per resa,non per colore,ma resiste a tante tante ore al lavoro.

    Dopo queste riflessioni,concludo affermando che meglio posticipare l’acquisto di alcuni prodotti e investire qualche euro in più in rossetti con una resa certa. Vale per tanti prodotti,a casa mia pure per i detersivi ;)

Trackbacks

  1. […] differenze fra tutti i vari finish perché c’è già un post fatto molto bene dalla comare, a cui vi rimando. Parlerò solo di quelli di cui ho diretta esperienza dando un giudizio rispetto a come io mi ci […]

  2. […] Oggi vi parlo brevemente dei primissimi rossetti che abbia mai acquistato da Kiko: si tratta della loro linea più economica, denominata Smart, spesso in promozione a 2 euro (anche ora!), quando il costo reale è di 2,50 (la gamma completa la vedete qui, per quanto trovo che dal sito non si capiscano nè colori nè finish, e chi ne sa qualcosa di rossetti sa quanto sia importante il finish per determinare che effetto potrebbero avere sulle labbra i rosse…. […]

  3. […] la mia carrellata di rossetti MAC, divisi per finish con uno che, stranamente, viene proposto ogni anno ma non è in collezione permanente… […]

  4. […] So Supreme – nuovi rossetti della linea Sheen Supreme [finish dei rossetti MAC]. Stavolta saranno 6, più 6 lip glass e 2 lip tints, che sono un prodotto […]

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: