Sydella Laboratoires – Olio per le gambe leggere Review

NOTA BENE: questo post recensisce un prodotto che mi è stato mandato in prova valutativa dalla ditta che lo produce.
Ringrazio Sydella Laboratoire per l’opportunità, la mia politica valutativa (spiegata nel Disclaimer del blog) tuttavia non cambia e si basa come sempre sulla reale utilizzazione del prodotto.

Mi stupisco sempre di come sui beauty blog non sia comune reperire informazioni sui prodotti per gambe e piedi.
Non che la skincare sia negletta per carità, ma feedback sui prodotti da utilizzare dalla cintola in giù non sono facili da reperire come quelli per il resto del corpo, a mio avviso.
E non mi spiego come mai… forse perché io ho problemi vari in materia e quindi sento l’esigenza.
Forse perché mi chiedo se non sia mai capitato di non poter camminare per tot giorni… una di quelle cose che ti fa capire quanto sia importante poter fare qualcosa che a volte diamo per scontato.

Quando ho avuto modo di scegliere i prodotti Sydella che avrei potuto provare (vi ho già parlato di altri amici per il viso qui e qui) son capitolata su questo olio per gambe sia tenendo presente la premessa della recensione, sia per ovvi motivi di necessità di un prodotto del genere nella mia vita.
Dopo le varie citazioni in most played e altre storie è venuto il momento di tirare due somme d’utilizzo.

Sydella Laboratoires – Olio per le gambe leggere

Info fondamentali
Olio commercializzato dai Laboratori Sydella attraverso il proprio sito ufficiale e i rivenditori del marchio, listati sul sito stesso.
E’ disponibile in due formati: 50ml e 100ml, entrambe in vetro robusto, vendute rispettivamente a 12 e 20 euro.
Nota: esiste anche una versione in gel, che non ho provato.

Impressioni generali
Non ho mai fatto mistero di avere problemi alle gambe, specie d’estate o se cammino molto (o se vado a un concerto degno di questo nome) è un po’ un dramma personale.
In parte dipende dalla circolazione, ma anche da posture particolari che mi capita di assumere… ho un ginocchio (il destro) che fa i capricci e un tendine (il sinistro) che mi rompe ciclicamente le scatole anche per mesi (e se non porto tacchi è peggio. Solo che i tacchi non aiutano il ginocchio… bello vero?), la cosa tragica è che a me piace pure camminare, per cui ho imparato da tempo che se posso aiutarmi un pochino ben venga.

Non avevo ancora provato un olio per il corpo (con l’eccezione di uno che mi spignattò un’amica qualcosa come tre anni fa), un po’ per diffidenza (“e se mi unge?”), un po’ per comodità: trovo le creme mediamente più facili da dosare, da trasportare e da usare, per cui avevo scelto l’altra versione, quella in gel.
Poi Annamaria, la pr del brand, mi ha indirizzato sull’olio, raccontandomi di come semplicemente lei lo preferisse per una questione di maggior concentrazione ed efficacia, e io ho deciso di prendere la cosa come un modo per cominciare ad approfondire un mondo che conosco meno.

L’Olio per le gambe leggere del laboratorio a conduzione familiare Sydella è presentato in un packaging semplice, come quello del resto dei prodotti dell’azienda: bottiglia di vetro robusto trasparente, ottimo per capire il livello del prodotto ancora contenuto in esso (come qualcuno ricorderà ho un soft spot per tale aspetto dei packaging, quando non devo favoleggiare sulla quantità di prodotto ancora contenuto sono sempre felice!).
Sull’etichetta, plastificata, è riportato anche chiaramente l’inci, presente per altro sul sito dell’azienda.
Apprezzo parecchio quando le aziende non mi costringono alla caccia al tesoro degli ingredienti, più volte ho evitato acquisti a causa sua… inoltre trovo che i prodotti che possono avere a che fare con l’acqua dovrebbero avere delle scritte che non si cancellino anche solo toccandoli, mi è già successo di non poter fotografare qualcosa per tale motivo.

L’apertura della bottiglia (io ho quella da 100ml) è larga ma non mi ha creato troppi problemi col dosaggio… sarà che sono cauta io ma non mi è mai successo di dover tentare di rimetterne un po’ dentro la confezione.
Essa è leggermente pesante per cui in viaggio ho sempre travasato parte del contenuto in una bottiglina molto più piccola (e poi chi ha bisogno di 100ml di prodotto per una settimana?), anche questa operazione compiuta senza sforzo, e ciò mi ha permesso di rendermi conto che basta mediamente poco prodotto perché sia efficace.
La mia confezione da travaso è di 10ml e per 7 giorni con utilizzo quotidiano è sempre bastata.

Ho testato l’olio per le gambe leggere Sydella tutti i giorni in estate, usandolo dopo la doccia serale ogni volta che ho camminato praticamente: anche quando ho passato molto tempo in piedi sui tacchi (ho praticamente solo zeppe dagli 8 cm in su come sandali estivi…) ne ho sempre tratto giovamento, potendomi permettere più giorni di camminare senza sentire le gambe pesanti dallo sforzo di quello precedente.

A livello di applicazione ho seguito i consigli dell’azienda, di solito lo applico dopo la doccia serale (in modo da avere la pelle un po’ umida), partendo dal basso delle gambe e arrivando verso l’alto con un massaggio che mi prende qualche minuto ma che poi ha la sua efficacia (tempo ben speso!); quando ho modo cerco anche di stendermi con le gambe un po’ sollevate per aiutare la circolazione.
L’assorbimento del prodotto è rapido, e con mia somma gioia non unge… tuttavia non lo trovo comodissimo perché faccio fatica a ricordarmi che la pelle deve essere umida, ora che è inverno e non ci si asciuga mai è meno complicato, ma d’estate mi è capitato più volte di dovermi bagnare nuovamente le gambe per poterlo usare.
Suppongo che sia anche un problema di scarsa abitudine personale e insomma il più sta a ricordarmi di tenere la boccetta in bagno! (posto dove raramente tengo troppi cosmetici)

Il momento in cui però ho avuto la certezza dell’efficacia del prodotto è venuto lo scorso novembre, post concerto dei Subsonica: ballare per due ore abbondanti non è stato un toccasana per le mie gambe (specialmente visto che il ginocchio destro ha deciso di rompere le scatole dopo 3 canzoni… =__=; ), e l’acido lattico si è fatto sentire come non mi accadeva da tempo.
Senza pensarci troppo quella sera ho passato l’olio solo dal ginocchio in giù della gamba (è la parte che di solito mi crea più problemi, non sempre ho esigenza di trattarle integralmente) e il giorno seguente ho sentito tutta la differenza laddove non avevo passato l’olio: gambe di una pesantezza rara e quello stramaledetto dolore da acido lattico che ti rende le membra ardue da muovere così presente… proprio l’ideale per un pomeriggio in centro!
Il miglioramento l’ho avuto ricordandomi stavolta di passare l’olio sull’intera superficie delle gambe, di lì a due giorni sono riuscita a dimenticarmi del problema, quando normalmente se ci si mette di mezzo il ginocchio non posso proprio dire lo stesso, perché mi trovo a muovermi con dolore per giorni.
Non riesco a credere sia un caso, anche se ammetto che non muoio dalla voglia di rifare l’esperienza per una controprova…

C’è però un aspetto dell’olio per le gambe leggere che non apprezzo e al quale non sono riuscita ad abituarmi in ormai 7 mesi di utilizzo, ed è il suo odore.
Non che sia in grado di descriverlo (come quasi sempre!), ma è erbaceo e il mio naso ogni volta che lo apro si ribella.
La consolazione è che non permane sulla pelle per cui riesco a dimenticarmene in fretta, ma non posso definirmene esattamente una fan, per usare un eufemismo.

…in definitiva
E’ un prodotto che mi sta piacendo parecchio (odore a parte!), perché risulta efficace e serve una quantità abbastanza ridotta per coprire tutte le gambe… dopo 7 mesi di test non sono neanche a metà!
Mi porrò il problema del riacquisto tra un sacco di tempo, ma il vero dilemma sarà il reperimento, non la qualità dell’olio Sydella, che è decisamente nelle mie corde.

Voi avete avuto modo di provarlo?
Cosa usate per le gambe stanche e appesantite?

Il prodotto di cui parlo in questo post mi è stato omaggiato dalla ditta che lo produce a scopo di eventuale recensione; non sono stata pagata in alcun modo per scrivere questo articolo né avevo vincoli per farlo e le opinioni che ho espresso sono strettamente personali (come tutte le altre che avete sempre letto su questo blog).

Comments

  1. Giuliana Andrea says:

    Ehm…per le mie gambe stanche e appesantite per ora uso solo sedermi mettendo le gambe in alto.
    Da poco più di anno cambiando lavoro son cambiate le mie esigenze. Non ho mai avuto problemi di circolazione,per cui solo adesso dovendo stare ore in piedi,ho le gambe stanche. Prima alternavo qualche ora in piedi a qualcuna seduta in auto e alternavo giorni in trasferta a giorni con lavoro al telefono e al pc.
    Per le gambe ho provato una deludente crema di BV al mirtillo e non vorrei rivolgermi a prodotti da farmacia tipo Venoruton.
    Dovrei aprirmi a sperimentazioni in materia,ricordo tra l’altro che hai anche una crema che portavi spesso con te in trasferta.

    • a me in inverno e in particolari condizioni può bastare (infatti ora come ora l’utilizzo è diventato discontinuo), ma in estate è un po’ un dramma… tra bolle ai piedi con qualunque scarpa (quando qualche sapientone in passato mi ha detto che: “dipende dalla qualità delle scarpe” ho avuto dei moti d’odio abbastanza importanti… anche perché roba che fino al giorno prima non mi ha dato problemi me ne crea, ma chi non ha problemi non sa) e le gambe che si gonfiano è un po’ una presa per i fondelli, la mia stagione preferita e soffrirne tanto…

      io quella di Bottega verde l’ho provata, non era malaccio, da qualche parte ne ho parlato ma non so se abbiano cambiato la formulazione… devo dire che il test acido lattico seriamente importante però non l’avevo fatto (molto utile, ma spero sempre di non arrivare a certi livelli…)
      Misato-san recently posted…TAG: Top 5 Everyday Lipsticks My Profile

      • Giuliana Andrea says:

        Sai che succede lo stesso pure a me? Con le scarpe che indosso tutti i giorni. Mi vengono per via dello sfregamento le bolle nella parte posteriore del piede e vescicole alla base dell’alluce. Ho notato che mi capita in circostanze particolari. Cioè quando per la fretta o per dei momenti di tensione il piede,che normalmente non lo fa,mi suda. Mi scuso se questo discorso può dar fastidio a qualche tua lettrice. Ma magari facendo mente locale capita pure a te nelle stesse circostanze. Magari poi conosci un prodotto per il sudore. Io conosco solo il vecchio caro bicarbonato.

        Forse avevo grandi aspettative,eh!

        Spero tu non debba più trovartici XD

        • il problema in questi casi è sempre sudore, sfregamento e in alcuni casi allergia da contatto a certi materiali, niente di strano o vergognoso!
          Io e le bolle ai piedi siamo vecchi conoscenti da anni e anni e anni… campo di cerotti in primo luogo…
          Misato-san recently posted…TAG: Top 5 Everyday Lipsticks My Profile

  2. Sembra un prodotto molto interessante, il problema é che essendo una pigrona non so quanto sarei costante nell’utilizzo. Sarebbe interessante provarne un campioncino tuttavia. :)
    ReyInWonderland recently posted…Come with me to this African Paradise – feat. LushMy Profile

  3. Il prodotto è molto interessante e per le mie gambe sarebbe il top, però è un vero peccato che sia così difficile da reperire :-/
    Foffy recently posted…Colourful dualism – Violetta lipstick look [feat. A Lost Girl (loves make up!)]My Profile

  4. Io di solito avverto il problema d’estate o quando cammino davvero tanto (e la passione per Converse e ballerine non aiuta di certo, c’ho na certa e non posso più convincermi di stare su scarpe rasoterra 12 ore al giorno senza risentirneXD ). In effetti ho notato anche io quanto sia difficile trovare qualche review, lo scorso anno avrei anche comprato una crema apposita per defatigare le gambe, senza grosse pretese ma mi sono scontrata con poca offerta e review praticamente inesistenti. Confido in una maggiore distribuzione di questo marchio anche su altri siti perchè 11 euro di spese spedizione sono una fucilata :/ ma l’idea di un olio da applicare appena usciti dalla doccia mi alletta parecchio (meno sbattimento, più pigriziaXD)
    Bridget Jones recently posted…50 sfumature di nero, confronto fra matite nereMy Profile

    • io non indosso scarpe rasoterra da anni, perché il mio tendine non vuole… ma ho problemi uguale XD (le ballerine comunque le ho bannate perché mi stanno troppo male e le Converse… mai avute)

      Eh io ho provato qualcosina ma stesso discorso, è difficile trovare proprio le info base sull’argomento, e anche nei negozi se cerchi uno shampoo ne trovi a tonnellate, mentre prodotti specifici per tali esigenze a volte mancano del tutto…

      ah ah ah muoro, quando sei ancora bagnato è comodo in effetti XD
      io ho problemi organizzativi perché cerco di lasciare il bagno libero per il resto degli inquilini per cui in estate è un problema, arrivo in camera e sono asciutta ^^
      Misato-san recently posted…Nabla Cosmetics – Ombretti (Genesis) Eternity, Citron, Grenadine, Superposition PRIME IMPRESSIONI swatches, comparazioniMy Profile

  5. Io sono una delle poche che ama gli olii, in tutte le loro forme e formulazioni!
    questo olio mi ha incuriosito e ora lo vorrei provare…che tentazione!
    makeupnonsolo recently posted…I look di MadonnaMy Profile

  6. è un olio che potrebbe davvero interessarmi, spesso d’estate mi sento le gambe gonfie, e stare anche molto seduta a studiare/progettare non è un toccasana per la circolazione!
    Alis recently posted…TAG: Cose da Beauty BloggerMy Profile

  7. Io ho problemi principalmente d’estate quando comincia a fare caldo: mi vengono i crampi notturni che mi svegliano e sento sempre le gambe pesanti. Ho sempre cercato di usare creme ad effetto “freddo” (bioearth) o con principi attivi che agevolano la circolazione (tipo la pomata all’ippocastano o la crema di omnia botanica), ma oli non ne ho mai provati… forse è il caso di cominciare…
    Marina coppersugarglider recently posted…Alkemilla: bagno doccia aloe e calendula & shampoo e balsamo cedro e finocchioMy Profile

    • oddio i crampi notturni mi mancano (e non ne sento la mancanza XD), dev’essere un’estrema rogna!
      una delle cose che mi consolano è che quando dormo… dormo, almeno allora non sento dolore.

      la Bioearth incuriosisce pure me, ed è uno dei prodotti a cui pensavo quando mi lamentavo che nei negozi certi prodotti non si beccano facilmente… mai trovata, anche se so bene che esiste. Il che vuol dire che sono pure i negozianti a sottostimare l’interesse per un certo tipo di prodotto…

      Se vuoi tentare un olio per lo meno di questo posso dire bene!
      Misato-san recently posted…TAG: Top 5 Everyday Lipsticks My Profile

  8. È un prodotto super interessante, mi servirebbe qualcosa del genere dopo una giornata di lavoro passata sempre in piedi!! Ho provato degli oli per il corpo quest’estate e anche a me a dato noia il fatto di dover avere la pelle umida..ultimamente ho trovato un compromesso: aggiungo l’olio alla crema idratante, così il composto è piu ricco ma non devo avere la pelle umida! (Poi in inverno è peggio secondo me..perchè fa freddo!). Con questo prodotto non si potrebbe fare ovviamente, però con tutti gli altri è un trucco che funziona.

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: