Tips: Durata della matita in rima interna, trucchetti e altre storie

Vi sono vari modi per utilizzare le matite occhi, cambiano i partiti cromatici (c’è chi ama il “solo nero”, chi è per il correttivo e chi va “a tutto colore” come me) ma l’esigenza di piazzare del colore nella rima interna inferiore per creare un look è davvero diffusa.

matite occhi

Qualsivoglia sia la scelta o il gusto che ci guida, uno dei problemi più comuni è trovare matite che poi durino nel tempo nella rima, spesso la carenza di prestazione non è direttamente correlata alla qualità del prodotto stesso quanto a come la sua formula interagisce con la pelle, a quanto sono sensibili e tendenti alla lacrima i nostri occhi e via dicendo, non è un caso infatti che matite che per alcuni sono delle garanzie per altre persone si rivelino un disastro!
Il periodo più complicato in assoluto per la rima interna a mio avviso è l’estate: se in inverno infatti l’aria meno umida a volte aiuta, quando fa caldissimo la situazione tende a decadere in maniera tragicomica…
In più almeno nella mia esperienza sfigatissima ho notato che il colore di matita più difficile in assoluto da far durare in rima interna è il nero, io non ne possiedo nessuna (tranne una coi glitter… che in teoria lì non ci andrebbero, in pratica a volte me ne frego bellamente… ehm XD ) che duri per più di due ore e in estate mi sbavano tutte.
Anche le waterproof.

18.08.2015_02pr

Sono un’utilizzatrice seriale di matite occhi, quelle che ho usato per corredare di un minimo di foto questo post sono una piccola parte di quelle che ho provato nel corso degli anni e che possiedo.
Si tratta di un prodotto versatile che per di più io tendo a temperare pochissimo perché ho una rima parecchio larga (un amico di recente mentre mi truccava l’ha definita un’autostrada XD ) il che mi consente di sfruttarle davvero a lungo nel tempo e ho pensato quindi di raccontare un po’ i vari tentativi che nel tempo ho fatto, un po’ letti in giro e un po’ nati da sperimentazioni personali, nella speranza di dare qualche spunto a chi come me avesse tale problema.
Anche se vi racconterò di come molti falliscano nel mio caso so di gente per cui funzionano, per cui non prendete la mia esperienza come paradigmatica, non potrebbe mai esserlo! XD

Metodo 1: applicare la matita dopo aver asciugato la rima
L’asciugatura può avvenire con della cipria, con un ombretto dello stesso colore, anche con un cotton fioc asciutto.
Su di me funziona zero, occhi troppo lacrimosi ._.

Metodo 2: applicare la matita, poi fissarla con un ombretto di colore simile
Consiste nel tamponare sulla matita un prodotto in polvere che andrà a fissare il colore della matita stessa.
Credo sia uno dei più noti e ripetuti, su di me è un disastro perché mediamente, specie col caldo… mi sbava prima l’ombretto e poi anche la matita usata come base, una cosa ridicola… ._.

Metodo 3: applicare la matita, poi fissalta con una cipria opacizzante
Variante del metodo 2 (di mia sperimentazione), per qualche motivo che mi sfugge su di me funziona in inverno!
Quando ancora lo usavo sceglievo ciprie trasparenti (tipo quelle di silica o la Primed and Poreless di Too Faced) o praticamente incolori (la mia amata Blot di MAC Cosmetics nella variante Light, la più chiara, non la si può praticamente definire colorata), la parte più complicata era capire dove andare a tamponarle visto che non le vedevo!
Era un buon metodo anche perché non sempre ho avuto ombretti di colori che poi non mi alterassero il colore della matita che avevo scelto, per cui non mi pesava che la cipria funzionasse e quelli no.
D’estate però era inutile, il che mi ha convinto ad abbandonarlo e a cercare altre strade.

Metodo 4: applicare la matita, farla asciugare alcuni secondi, poi riapplicarla
L’ho sempre definito il “metodo Pixiwoo“, perché ricordo (a torto o a ragione non lo so XD) di averlo sentito dire a Sam Chapman in non so più che video diversi anni fa.
Il video non l’ho mai ritrovato, ma funziona per me con determinate matite che per qualche motivo (siliconi, in primis, con quelle verdi stendo un piumone pietoso perché ne ho provate tante e di vari marchi ma su di me siamo vicini al disastro totale a livello di prestazioni e non solo in rima interna) son simpatiche alla mia rima interna.

Realizzarlo è semplice, la parte più complicata è capire quanto tempo deve passare tra un’applicazione e l’altra… io mediamente scelgo la mia matita per la rima interna quando ho più o meno completato l’occhio (trucco un occhio alla volta!), poi mentre applico il mascara quella si asciuga… poi ripasso.
E’ un buon metodo anche per prevenire un altro fastidioso “difetto” di durata, ossia quello che vede le matite sparire, ma solo negli angoli esterni.

18.08.2015_03pr

matite con cui su di me funziona tale metodo: Long lasting Wycon, Pearlglides MAC Cosmetics, Twist Up!! Madina, Smoky Kiko, limited edition

Ahimé non funziona con ogni matita che possiedo e con nessuna nera, anzi con le nere che ho (Black Swan esclusa) sbavano prima e più copiosamente D:
In inverno funziona con più prodotti e tendo ad applicarlo con praticamente tutte le matite decenti da rima interna che possiedo.

Metodo 5: usare l’eyeliner in gel al posto della matita, per tamponare la matita o come base per la matita
La doverosa premessa è che questo è l’unico metodo che ho sperimentato una volta di numero, lo scorso anno per il mio compleanno (post dettagliato qui).
Nel mio caso la variante è stata quella base, ossia l’eyeliner in gel, per me il Blacktrack di MAC (che adoro) mi è stato tamponato nella rima interna in maniera molto delicata… l’effetto era bellissimo, intenso, la durata meravigliosa.
Il problema di tale metodo è che potrebbe essere non adatto ad occhi sensibili, io ho fatto una fatica atroce a rimuoverlo ritrovandomi gli occhi gonfi da far spavento per tutta la giornata successiva, per cui ho deciso che anche se efficace (almeno dalla premessa, io ritengo che l’efficacia vada provata con molti test) non fa per me.

Ho amiche e conoscenti che invece lo usano regolarmente con gioia, che sfruttano tale tipologia di prodotto anche per “rinforzare” il tratto di una matita oppure per farne la base, anche per ottenere colori particolari che magari non possiedono (il layering non ha confini! XD )
Invidia pura.

Metodo 6: usare la Magic Pencil di Nabla Cosmetics come base
La mia più recente scoperta, è da maggio almeno che sto sperimentando per poterla raccontare e l’avevo anticipata su facebook qualche settimana fa ma ora ve la spiego meglio :D
Alla Magic Pencil ai tempi ho dedicato un articolato pezzo qui, è una matita color carne davvero multiuso, ma mesi fa non pensavo che sarebbe diventata così importante nel mio stash!
Possiedo altre matite del suo genere ma nessuna ha un colore così “giusto” per la mia rima interna (my rimm but better), così quando non riesco a decidere cosa voglio usare sfrutto lei. (ok, non solo in quel caso! XD)

E proprio in occasione di un momento di indecisione ho fatto la mia scoperta: come base è una bomba, migliora la tenuta del 90% delle mie matite, comprese quelle nere che da sole non durano e mi sbavano anche copiosamente (la cosa accade anche con la Bombay Black sempre di Nabla e la Aqua Eyes 0L di Make up for ever che sono waterproof… ma non mia-lacrima-proof evidentemente.)
Non volendo rimuoverla dalla rima interna per non provocare il mio sensibile occhio ho deciso di coprirla con una matita nera e… la sera era ancora lì.
Persino nell’angolo esterno.
Ancora abbastanza nera e visibile, e non aveva sbavato.
Da lì la strada verso la sperimentazione è stata spianata, ho provato con un buon numero di matite presenti nel mio stash con altissime temperature (anche oltre 40 gradi), al concerto dei Subsonica <3 a luglio, pure dormendo (in treno chiudo spesso gli occhi se ascolto musica ed è una cosa che normalmente non piace alla mia rima interna... salvo in questo caso!) e non ho più avuto un problema di tenuta, salvo con quel paio di matite talmente sfigate che neanche la Magic Pencil le miracola (ciao Zaffiro che tu sia maledetta fai pietà anche così! U_U).

Il metodo è un analogo del numero 4, solo con la Magic Pencil come base.
Applico lei, la faccio asciugare… a volte la riapplico prima di procedere con la colorata, se fa caldissimo è meglio per gli angoli esterni (non li ho mai trovati del tutto “cancellati” ma più sbiaditi sì).

Nabla Cosmetics Magic Pencil

Non so dirvi se altre matite compiano tale miracolo e non credo neanche che sperimenterò in materia perché mi trovo talmente bene con la Magic Pencil che… credo che il moncherino nella foto parli per me.
Se l’avete in casa e avete i miei problemi fate una prova o due che male non fa! XD

Voi avete problemi con la durata in rima interna?
Se sì che metodi avete adottato per combattere tale piaga?

Comments

  1. Io mi trovo benissimo con il metodo tampona con ombretto dello stesso colore.. nonstante la mia rima lacrimi molto (in motorino con il vento ) tiene alla meraviglia! Sono curiosa comunque di sperimetare la magic pencil.. ordine nabla sempre in sospeso eheheh

  2. L’unico metodo che funziona su di me è il n.4, gli altri mi fanno bruciare troppo gli occhi. La Magic Pencil di Nabla non l’ho mai provata quindi non saprei dire…
    Buona giornata ;-)
    Jesslan recently posted…Cien Sun – Crema solare spf20 [review]My Profile

  3. Diciamo che ho provato diversi metodi, tranne quello con la Magic pencil non possedendola, il primo perché non mi convince e quello con la cipria opacizzante perché non ci ho mai pensato XD.
    La tecnica di mettere l’ombretto sulla matita prima lo facevo più spesso, ma ho capito che per i miei occhi non è il massimo, per cui lo relego solo a giornate in cui voglio intensificare il colore e farlo durare maggiormente. Per quanto riguarda l’eyeliner in gel non mi creava alcun fastidio se non quando (per mia imbranataggine) macchiavo la lente a contatto U_U
    C’è da dire però che su di me prodotti come i matitoni LLSE di KIKO e il matitone waterproof Scandaleyes durano anche se fa un caldo della miseria, fortunatamente.
    Una domanda, però mi sorge spontanea… La magic pencil non altera per nulla il colore della matita che applichi sopra? O è così identica al colore della rima che la cosa non si nota? Perché io ho provato con matite color burro e poi matite nere sopra (più che altro perché avevo cambiato idea nel frattempo) e mi usciva fuori un color grigio topo XD.
    Il Blog di I. recently posted…[Review] – Eyeshadow primer MilaniMy Profile

    • hai nuovi spunti XD
      io ero così disperata che nel corso degli anni appena sentivo uno pseudo metodo provavo e riprovavo, ho sempre portato con me la matita della rima interna per ritocchi ed è un’abitudine che non ho perso perché mi urta troppo la sparizione! ç_ç

      Io ho smesso di mettere l’ombretto sulla matita quando ho notato che non mi serviva proprio, perdevo il doppio del tempo per niente… ho sempre preferito matite già intense di loro (ne ho tante perché la caccia alla matita “perfetta” è sempre aperta, in più sono una da sfumature e non potendole ottenere mischiando colori per i problemi di durata, me la son cavata in altro modo).

      Ecco… su di me NO.
      io odio i LLSE di Kiko perché su di me son disastrosi sempre.
      Mi fanno le pieghe anche con vari primer, van benino solo come basi (utilizzo che proprio non mi interessa).
      In rima interna mai provati.
      Di matitone ScandalEyes ne ho uno solo, colore favoloso, ma durata non pervenuta, come per gli shadestick Kiko va benino solo come base (prima o poi devo riesumarlo per la rima interna con la Magic Pencil sotto e scoprire se almeno così dura)

      Nel mio caso è talmente buona come matita color carne che non altera.
      Alcuni colori vanno ripassati un paio di volte per averli pieni, ma mediamente capita con quelle matite che pure al naturale non sono mega scriventi nella rima interna (tipo la Aqua Eyes MUFE nera), quindi non mi pesa.
      Bada però che la Magic Pencil, come dicevo anche nel suo post, NON E’ una matita color burro.
      Di quelle non ne possiedo, non mi piacciono, e su di me sarebbero innaturali.
      Misato-san recently posted…I’m just a fucked-up girl who’s lookin’ for my own piece of mind…My Profile

  4. ottimi consigli, li proverò sicuramente =)

  5. Due parole e mi son convinta a comprare la Magic di Nabla.
    Io che ogni volta che la swatcho l’abbandono poi al suo destino perché non mi convince, poi arrivi tu e tra quel post e questo instilli desideri T__T.

    • gomen XD
      spero si comporti bene con te come con me… nel mio caso è proprio un holy grail.
      Oltre ad essere perfetta a livello cromatico riesco a farci mille cose diverse, questo trucco per la rima interna lo considero una sorta di ciliegina sulla torta…
      (non è un caso che abbia già un backup… io mica lo so se arriva a fine mese!)
      Misato-san recently posted…TAG: Quanto conta l’inci? (v.2)My Profile

  6. Il mio problema èè che oltre ad avere gli occhi languidi al naturale, questi si irritano solo a guardarli. I metodi mi sembrano validi ma credo che proverò o con il cotton fioc o provando a riapplicare la matita una seconda volta. Già solo l’idea di usare polveri per la rima interna mi fa bruciare gli occhi ed iniziare a piangere come se non ci fosse un domani! XD
    Anche se sulla Magic Pencil potrei farci un pensierino! ;)

    • guarda capita anche a me!
      E spesso NON CAPISCO perché succeda… a volte mi si gonfiano (non sempre assieme!) in alcuni punti per alcuni minuti.
      Ci sono tutta una serie di cose che non posso fare perché per struccarle poi mi ritrovo gli occhi a palla per un giorno.
      Devo stare attenta anche solo a un filo di vento.
      Due palle XD
      Quando mi truccano terzi (cosa che concettualmente mi piace molto) sto sempre a pregare che non gli vengano i 5 minuti (che spesso non durano 5 minuti…) perché possono essere terribilmente fastidiosi…

      Il cotton fioc io lo uso solo per struccarli però (avendo una rima molto larga… senza proprio non riesco), tra l’altro anche in quel caso serve usarne che non si sfaldino o fanno danni.

      Uno dei problemi del fissare con le polveri infatti è riuscire a farselo senza ficcarsele nell’occhio anziché sulla rima XDDD
      Nel mio caso non è difficilissimo per via della sua larghezza, ma ovviamente mi è capitato… quello unito all’efficacia pressoché non pervenuta mi hanno portato a percorrere altre strade.

      Se la provi fammi sapere!
      Prossimamente ho intenzione di provare anche un’altra matita che ho in casa per vedere se funge, ma è più costosa per cui ho pensato che intanto il post potevo farlo lo stesso, dopo mesi di test…
      Misato-san recently posted…Metti un pomeriggio da Eataly con Nabla Cosmetics… 2! (make over)My Profile

  7. Oggi stesso dopo aver letto volevo comprarla :D hai un terribile potere influenzatore! (la Magic pencil intendo, questo stupido browser non mi sposta il puntatore indietro XD)
    Io il problema della rima non so nemmeno se ce l’ho, figurati sa quanto tempo non sento l’esigenza di metterci cose dentro! Però la terrificante Zaffiro di Neve la ricordo bene anche io D: Nemmeno sulla palpebra mi dura! A parte questa, mi chiedo se la Magic pencil sia capace di farmi durare alla perfezione anche le matite messe sull’angolo esterno, che ogni tanto mi fa lo scherzo di sbiadirsi… Da provare!

    • ne sono onorata XD
      (e anche spaventata XDDD )
      io faccio una fatica boia a non metterci niente dentro, anzi… non lo faccio mai, in parte è abitudine in parte mi vedo la rima sempre troppo rossa (a volte è vero, a volte no) e quindi preferisco correggerla.

      Neanche a me dura sulla palpebra. Solo come eyeliner, e solo con primer.
      Per il resto è un disastro di proporzioni epiche, il motivo per cui non l’ho cestinata è che sto cercando un colore come quello, ma dovessi trovare qualcosa che mi soddisfa nella monnezza finirebbe…

      A me di tanto in tanto sbiadiscono, ma non ho più l’effetto sparizione totale di prima.
      Misato-san recently posted…TAG: Quanto conta l’inci? (v.2)My Profile

  8. Io adotto sempre il metodo 4 che mi fa durare la matita nera waterproof un po’ di più, ma non fa miracoli. Devo provare con la Magic Pencil allora, grazie per l’articolo utilissimo!!

  9. Valeria Casale (Rainbow Beauty) says:

    Io penso di avere i tuoi stessi problemi con la durata delle matite. Quelle che mi hanno soddisftto di più sono quelle wjcon, di cui adoro la bianca long lasting (peccato che la petrolio mi faccia lacrimare l’occhio come se non ci fosse un domani..) . Io mi trovavo benissimo con il metodo eyeliner, per quanto “benissimo” nel mio caso significhi solo una durata di un paio d’ore XD. Potresti provare a usare una combo tra metodo 4 e metodo tre: applichi due volte la matita, opacizzi. Oppure applichi una volta, opacizzi, ripassi la matita, opacizzi di nuovo, e la ripassi un’ultima volta per rendere di nuovo il colore vivido. :O

    • Le Long Lasting Wycon sono tra le mie preferite in assoluto, a parte una che mi ha fatto proprio allergia (era una delle glitterate dovrei controllare sul blog quale) le altre che ho sono meravigliose.
      La bianca dovrei comprarmela da un secolo ma siccome la uso abbastanza poco (per me è rarissimo usare matite come base) ho sempre procrastinato XD

      mi sembra una cosa inutile nel mio caso, il colore viene fuori vivido senza passare dalla cipria che rischia di finirmi nell’occhio ^^
      Misato-san recently posted…I’m just a fucked-up girl who’s lookin’ for my own piece of mind…My Profile

  10. E indovina un po’ chi si è comprata la Magic Pencil dopo che me ne hai tessuto le lodi all’evento Nabla a Roma? Ancora non ho avuto modo di provarla però, mi sono talmente disabituata dal mettere qualsiasi cosa nella rima interna che mi dimentico -.-‘ Sono una tragedia!
    Io sono un caso iper lacrimoso! La descrizione che hai fatto della tua rima mi calza a pennello!
    In più su di me colano persino gli eye-liner!
    E le mie stupide lacrimucce hanno la brutta tendenza a risalire lungo la piega portandosi dietro tutto il make-up fatto con tanto amore! Una tragedia! A volte penso che dovrei smettere di truccarmi!

  11. Bella racconta di tips <333

    Io uso il n° 2 quando voglio assicurarmi una durata maggiore! Il metodo dell'eyeliner in gel in rima interna non funziona, o meglio funziona ma poi mi lacrimano gli occhi in maniera spaventosa T_T (Tale discorso si applica solo a Blacktrack al momento, ça va sans dire… Chissà magari in futuro beccherò un eyeliner in gel che non faccia questo scherzetto!).
    Non sai quanto vorrei poter usare il metodo 6… Purtroppo, come già sai, la Magic Pencil (e di conseguenza la Bombay Black) contenendo dimeticone mi causano problemi e sono off limits per me ç_ç
    Ariel Make Up recently posted…♕ Sunday Make Up ♕ The Phoenix Rises ♕My Profile

    • grazie!

      a me non l’assicura quindi ho mollato, mi sento triste e disperata ;_;
      Con Blacktrack io non lacrimo (per quel poco che ho potuto vedere) ma non penso che avrò mai il coraggio di riprovarci, anzi pure quando mi truccano terzi io metto pochi veti, uno è niente eyeliner in gel nelle rime perché non ce la faccio a struccarlo ^^;;;;
      Il vero trauma.

      eh lo so D:
      un po’ come per me tante matite verdi. o non durano… o mi fanno allergia ^^;
      Misato-san recently posted…Makeup Revolution – The One Fluid Blusher “Desire” swatches, look, reviewMy Profile

  12. Purtroppo tendo ad usare molto poco le matite nella rima interna perché porto le lenti a contatto e ogni volta mi si sporcano! Però, quando le uso e voglio che mi duri per più tempo, utilizzo il metodo numero 2, l’ombretto dello stesso colore tamponato sopra, e in tal caso devo fare ancora più attenzione perché altrimenti mi ritroverei con la lente ancora più macchiata! 😵
    Letizia recently posted…Haul Kiko: collezione Rebel RomanticMy Profile

  13. Anche io ho la rima interna lacrimosa e non so se troverò mai la matita nera perfetta. Ultimamente sto usando la ‘xpress khol di Mesauda e mi trovo decisamente meglio rispetto alle altre provate in precedenza,anche se col caldo tende a sbavare leggermente nell’angolo esterno.

    Tra i metodi che hai descritto effettivamente non ne ho provati molti . Ho provato a fissarla con un ombretto nero,ma anche per me non è un metodo che funziona sempre soprattutto nel periodo estivo, e ho provato applicando l’eyeliner nero Essence,quest’ultimo metodo funziona ma ho sempre paura di irritare l’occhio per cui tendo a farlo raramente.

    Mi hai fatto venire una curiosità tale riguardo all’uso della magic pencil,che non credo resisterò molto all’acquisto. In verità volevo prenderla durante l’ultimo ordine fatto,ma l’ecommerce da cui ho ordinato non aveva nè lei nè plum ,così mi sono consolata con madreperla e across the universe.
    Erika recently posted…Travel make up bagMy Profile

    • io mi accontento della Magic Pencil salvatrice ora come ora, confesso che una parte di me vorrebbe provare almeno la nera delle Long lasting Wycon e un paio di matite di MAC (che di nere ne ha a sufficienza) ma sto cercando di trattenermi per finirne almeno una di quelle che ho.
      Cosa neanche facilissima sia perché non tempero, sia perché vado a periodi, saranno due settimane che non ne uso una per dire!

      belle consolazioni devo dire!
      Misato-san recently posted…She’s not me… Yes I am!My Profile

  14. Giuliana Andrea says:

    Ho in mente questo commento da giorni,tanti giorni. Spero di riuscire a ricordare tutto.
    Intanto ti dico anche qui che questo post ci voleva proprio. È di quelli che ci dà modo di imparare tecniche differenti,di discutere su quelle in comune e soprattutto rivela LA svolta. Io la Magic pencil la chiamo così perché mi ha fatto tornare ad utilizzare con piacere la matita sulla waterline. Non che non la utilizzassi,ma esser sicure che gli angoli non si cancellino è una figata. È per me come andare in giro con il rossetto contornato dalla matita trasparente,vado in giro col cuore in pace senza dover controllare cedimenti,una gran figata!!!
    Grazie,grazie,grazie per avermela fatta acquistare XDDD
    Ho utilizzato talvolta il metodo nr 2 ed il mio metodo è il nr 4. La matita come nel tuo caso appunto, mi regge in inverno,ma in estate cede nella coda dell’occhio,che seccatura… Ho usato due-tre volte contate il metodo nr 3,ne avevo letto in giro,ma amo poco il nr 2, per cui ho sperimentato poco.
    Concludo con un ode al metodo nuovo e ringrazio Daniele per averci regalato la Magic pencil

  15. Ho letto il post dalla mail quindi sono venuta dritta a commentare.
    Non ho grandi problemi di lacrimosità più che altro mi diventano rossissimi, che siano matite naturali come Neve Cosmetics o meno, inoltre quando mi trucco lo faccio raramente per più di quattro ore, di conseguenza non necessito di una tenuta micidiale, però le uniche che mi durano inalterate sono quelle di Wjcon, le long lasting, peccato che il negozio qui abbia chiuso, quindi sarei curiosa di provare questa cosa della Magic Pencil per migliorare le prestazioni delle altre matite che ho. Pazza come sono sarei tentata di provare se è valida per questa cosa anche la Ghost pur non essendo per gli occhi…
    Patri – LAismydream recently posted…Trucco del giorno – 22 Agosto “Normale amministrazione”My Profile

  16. Robs - Becomehershadow says:

    Geniale! Ho provato quasi tutti i metodi da te citati, impazzendo nella maggior parte dei casi. Ma quest’uso della Magic Pencil mi era ignaro. Metterò sicuramente in pratica il consiglio!

  17. Anche io ho problemi con la rima interna lacrimosa e sensibile, forse il metodo più devastante per me è l’eyeliner in gel come kajal, ricordo occhi spaventosi x_x
    Devo provare il metodo della Magic Pencil perché finora è la matita più duratura in mio possesso *_*
    Foffy recently posted…The Sailor Crystal – Sailor UranusMy Profile

  18. Ti devo ringraziare assolutamente per il trucchetto della Magic Pencil! Hai salvato un sacco di mie matite che altrimenti in rima interna prorpio non scrivevano! :-D

  19. Su di me funziona solo il metodo 4.. Faccio due ho più passate su un occhio poi passo all’altro e ripasso. C’è da dire che a me le matite colano poco e utilizzo sempre quelle waterproof. Alcune dopo qualche ora se ne vanno, ma senza colare. L’idea di ripassare con l’ombretto nella rima interna non mi ispira, visto che l’unico prodotto in polvere che abbia mai messo, il mitico khol di Guerlain è stato un disastro: mi sbava, macchia, non si fissa.. Uguale alle pastello Zaffiro e Petrolio 🙄 di Neve.

  20. Me lo ricordo questo post! Dopo averlo letto avevo provato il Blacktrack in rima interna ed era stata una rivelazione, mi piace applicarlo con un piccolo pennello dalla punto in silicone di Real Technique.
    Lisbeth recently posted…So’Bio Etic Travel KitMy Profile

  21. Ma grazie mille per tutti questi trucchetti, non utilizzando spesso matite nella rima interna non ne conoscevo nemmeno uno (d’oh).
    Ne metterò sicuramente un paio alla prova, iniziando dal trucchetto della magic pencil.

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: