TIPS: Estate e lucidità alla mia maniera! – 2016 edition

In principio fu un post (qui, quattro anni fa.
Si parlava di metodi e suggerimenti vari per sopravvivere all’estate senza dover smettere di truccarsi, ovviamente.
Poi arrivò l’aggiornamento del 2014 (qui, perché in due anni qualcosa di nuovo si sperimenta sempre.
E quindi mi sembra il caso di raccontarvi le evoluzioni della faccenda, anche se forse non sono molte perché tanto ogni estate che viene in terra il problema si ripropone, e chi non si arrende qualcosa impara.

E questa è la prima doverosa premessa, perché ovviamente il post non nasce per chi come si alzano le temperature smette di truccarsi e ciao ci vediamo a settembre/ottobre.
Il trucco è impegno e non è una cosa veloce, così come non è veloce trovare i propri metodi per fare questo e quello… io naturalmente non posso garantirvi che nulla funzionerà anche per voi (magari!!!), ma darvi qualche spunto sì.

Seguirò lo stesso schema del post del 2014, anche se da allora son cambiate diverse cose… in primis trovo che la mia pelle sia un po’ meno tendente alla lucidità, e per esserne certa ho aspettato a scrivere l’aggiornamento fino alla oltre la metà di luglio perché volevo sperimentare parecchi giorni di vero caldo e soluzioni nuove… in secondo luogo ho cominciato ad apprezzare basi viso che non sono opache a ogni costo (ma non sono l’unico tipo di base che indosso!), e ciò ha aggiunto una prospettiva inedita alla mia visione del tutto.

L’ultima doverosa premessa prima di iniziare è che il punto nodale per capire che tipo di routine possa andare bene per noi è imparare ad ascoltare la nostra pelle.
Osservarla per intuire di cosa ha bisogno, non fossilizzarsi su pensieri come “c’è un filo di lucidità, ce l’ho grassa” e volerla opacizzare a ogni costo oppure pretendere che tutto funzioni senza ritocchi da mattina a sera con 40 gradi all’ombra, perché è dagli errori preliminari che poi nascono difficoltà estreme nel gestire le situazioni, non sapere che tipo di pelle si ha oppure pensare di averla grassa quando invece è secca ci penalizza e crea perenne insoddisfazione.

Step 1: preparazione della pelle (obbligatorio!)

TIPS: Estate e lucidità alla mia maniera! - 2016 edition

Che si prenda sole o meno, che sia estate o inverno, la pelle va preparata ai prodotti successivi, sempre.
Per me la discriminante ad alte temperature è proprio questa… se so che finirò al sole una crema solare mi è indispensabile, altrimenti no.

Parto sempre e comunque con un tonico post detersione, in questo periodo è l’idrolato di rosmarino di Biofficina Toscana, che io uso diluito perché puro lo trovo pesante (a me fa proprio effetto rebound! E mi fa ungere, cosa per me rarissima!) ma mi sono piaciuti tanto anche quello dolce di Antos (review) e quello di Bio Marina (review).
In più utilizzo una crema contorno occhi, amo sempre molto quella di Biofficina Toscana (review) e ultimamente mi sta dando soddisfazioni quello di Cien al melograno.
Espletate le pratiche fisse procedo con quelle che dipendono dalla premessa di cui sopra.

Se utilizzo la crema solare cerco di avere l’accortezza di metterla almeno una mezz’oretta prima del trucco stesso… per me non è un gran problema perché uso lavorare prima sugli occhi e poi sulla base, ma è importante sia per l’assorbimento della stessa sia perché non tutti i filtri delle creme interagiscono bene con quello che gli si mette sopra e tale accorgimento parrebbe aiutare la situazione.

La crema solare che mi ha dato più soddisfazione negli ultimi due anni è quella di Naturado (review), che però va asciugata perché in caso contrario non agevola la stesura di niente altro.
Tendo a prediligerla sotto al fondotinta minerale Meow, mentre non ho ancora deciso se mi piaccia sotto gli altri due.
L’altra crema che sto sperimentando quest’anno è quella di Bottega Verde linea Sol Protezione+ (prime impressioni), l’azienda lo chiama siero ma… è davvero una crema, giuro XD
Questa la preferisco sotto ai fondotinta liquidi, anche se mi riservo di fare aggiornamenti ulteriori in materia perché giustamente la sfiga ci vede benissimo e avendo passato troppi giorni in casa malata ho fatto meno prove di quelle che avrei voluto… una crema solare e la tenuta di una base che non si lucidi in 5 minuti per me ha più senso sperimentarle all’aria aperta, dove non vi è aiuto di ventilatori o altri ritrovati salvifici della tecnologia.

Se non utilizzo la crema solare perché magari è pomeriggio tardi quando esco, oppure è sera, o sto andando a un concerto allora procedo con la crema abituale, che è idratante ma non ricca e pesante per una pelle mista come la mia.
Negli ultimi due anni le migliori per lo scopo sono risultate la Crema viso light normalizzante di Bio Marina (favolosa! impressioni qui), la Crema viso barriera 24 ore de La Cremerie e ultimamente la crema viso idratante di Vivi Natural Care.
La prima è la più leggera in assoluto.

In questi anni mi sarebbe piaciuto trovare almeno un siero atto alla causa, da citare per chi non sopporta le creme, ma in verità tutto ciò che ho provato non si presta allo scopo, per la mia esperienza naturalmente.

Step 2: asciugare la pelle (facoltativo!)

TIPS: Estate e lucidità alla mia maniera! - 2016 edition

In caso la pelle dia molto filo da torcere o la crema sia un po’ unta (un classico con le solari), una soluzione sempre valida è quella di utilizzare dei primer, il che può anche essere anche un’idea per chi non usa il fondotinta.

Il primer può essere specifico, come ad esempio una lozione come la Oil Control di MAC Cosmetics (che io ho solo provato diverse volte in negozio però) oppure quel portento di Couleur Caramel (review), che nell’ultimo anno ho scoperto interagire meglio coi le polveri che coi fondotinta liquidi.

Oltre ad essi c’è anche l’opzione cipria, che può avere in alcuni casi la doppia funzione di preparazione della pelle ma anche poi in ultimo di fissatore.

Quali ciprie in verità non ho scoperto quasi nulla di nuovo… amo sempre la Blot di MAC (review) per i casi estremi, la Primed and poreless di Too Faced (review) per quelli meno “gravi”.
Non è male neanche la Prep + Prime CC Colour Correcting Loose Illuminate di MAC Cosmetics (info).
Inter nos è la meno assorbi sebo delle tre e i test li ho fatti solo per citarla qui perché a me in tale veste non serve usarla mentre lo scorso anno di questo passaggio non potevo farne a meno… ecco una di quelle cose che mi ha fatto capire che la mia pelle era cambiata!

Anche qui mi sarebbe piaciuto poter parlare anche di qualcosa di low cost ma ho fatto diversi buchi nell’acqua durante le mie ricerche per cui anche stavolta va così.

Step 3: fondotinta

TIPS: Estate e lucidità alla mia maniera! - 2016 edition

Io sono del partito che se ti vuoi truccare la stagione sia relativa, si sarà intuito… non smetto d’estate, il punto è avere la pazienza di trovare prodotti adatti allo scopo.

Qui ho forse le novità più grandi… oltre al mio “solito” minerale, quindi in polvere libera, quello di Meow Cosmetics che uso da anni e che era anche stato protagonista del mio post sulla scelta del fondotinta (qui) nell’ultimo anno ho trovato IL fondo da caldo/afa/concerto/situazione dove si suda ed è il mio amato Prolongwear nourishing Waterproof di MAC Cosmetics, fu colpo di fulmine la prima volta che lo provai in negozio (qui) ma nel tempo è diventato una certezza.
Gli basa una crema leggera come base (anzi… funziona pure peggio per esempio sul primer Couleur caramel!) e risulta modulabile come coprenza, sempre durevolissimo nel tempo e diventa una seconda pelle che ti protegge dal sudore e dalla lucidità per ore e ore, la scorsa estate ero a Bologna con più di 40 gradi, grondavo ovunque (so che non è una bella immagine, ma l’afa era insostenibile!) ma il mio viso era perfetto.
Idem quando sono andata a concerti, dopo 3 ore di Subsonica ero ridotta malissimo… ma viso perfetto! XD
L’unico suo limite è che non ho trovato (ancora) una crema solare con il quale farlo interagire alla perfezione, ma chissà, magari un giorno succederà.
O magari mi suggerirete voi qualcosa.

Ho anche trovato grande funzionalità nello Studio Waterweight sempre di MAC, quest’ultimo fondotinta ha anche un fattore di protezione solare pari a 30SPF, che nel mio caso non è ancora l’ideale, ma resta molto buono.
Questo per me è il fondo per quando la pelle tende più verso il secco (e in generale per quando non voglio un effetto opaco), non ero convinta di riuscire a usarlo anche in piena estate ma invece lo sto apprezzando parecchio, devo rigorosamente usare una cipria seboassorbente se voglio sfruttarlo quando fa molto caldo ma il suo lavoro lo fa bene, non si sente sulla pelle ed è decentemente stratificabile, anche su una crema solare (forse per lui preferisco quella Bottega Verde alla Naturado).

Anche qui avrei amato trovare delle opzioni low cost o a inci buono da segnalare, ma finché le aziende si ostineranno a fingere che noi persone dalla pelle molto chiara in Italia siamo una chimera che non merita di truccarsi mi sarà un po’ difficile indagare l’argomento come si deve D:

A livello correttori la mia routine invece non cambia con la stagione calda, i migliori che ho provato che reggono anche ad alte temperature senza effetti collaterali sono il Prolongwear di MAC (ottimo anche sulle imperfezioni!), il Radiant Creamy Concealer di NARS (solo per le occhiaie, è troppo illuminante per altri scopi), l’Under eye concealer di Nabla (review).
Quale camouflage in caso di estrema necessità il top negli anni resta per me quello waterproof di Make up for ever.

Step 4: finish

Poco da segnalare di nuovo, le ciprie che vanno bene come primer sono efficaci anche per fissare e per ritoccare (pretendere che un make up non presenti segni di lucidità per un tot di ore è un conto, di non ritoccare mai… è un altro discorso)

Io tendo a usare Illuminate e la Primed and Poreless sul Prolongwear waterproof, e la Blot e la Primed and poreless sugli altri due.

Step 5: ritocco

TIPS: Estate e lucidità alla mia maniera! - 2016 edition

E se mi ritrovo fuori casa e vedo lucidità sul viso?
E se porto la frangia?
E se… ci sono tanti motivi per trovarsi a dover ritoccare una base, ma per me la proceduta è sempre la stessa: veline per tamponare e assorbire il lucido e poi ripassata di cipria (la Blot, per comodità di packaging).
Le veline assorbisebo non sono tutte uguali, quelle di buona qualità si riconoscono perché non portano via che la lucidità e lasciano intatti i prodotti che ormai sono a contatto con la pelle da tanto.
Le mie preferite sono sempre quelle di Kiko.
Anche le Muji sono all’altezza (review), ma il loro packaging non è il massimo.

E con questo è tutto.
Io vi ho svelato quel poco che ho sperimentato in più dall’ultima volta.. voi che ne dite?
Mi piacerebbe sentire anche qualche segreto da voi!

Comments

  1. Ecco, io sono una di quelle persone che col caldo riduce il trucco ai minimi termini. Per andare al lavoro, stare in paese o fare commissioni elimino del tutto la base, a volte giusto un tocco di cipria e di pronzer. Se invece ha qualche evento particolare o nelle serate del week end un minimo di base la faccio sempre. Cipria e cartine seboassorbenti sono imprescindibili, però ha fatto qualche nuova bella scoperta. Innanzitutto il nuovo Porefessional Matte Rescue di Benefit in formato gel è molto più gradevole col caldo rispetto alla versione classica e opacizza davvero bene, però è trasparente. Devo ancora provare lo Smashbox Photofinish Foundation Primer, mi incuriosisce molto. Altra bella scoperta (che al momento promette bene, ma devo ancora testare a fondo) sono la Pink Perfect Créme e la CC Crème HD di Erborian da usare in combo, finalmente una base non opaca che però mi piace indossare (sempre con un velo di cipria opacizzante però).
    Lisbeth recently posted…Introducing… Bio Happy Natural CosmeticsMy Profile

  2. Valeria says:

    E’ il post perfetto per mia sorella che si lucida tantissimo. Ha solo 15 anni e non ha una pelle grassissima, però è già molto attenta alla base per quanto riguarda detersione e preparazione visto che non utilizza fondi, ma solo correttori e cipria. La All about matte di essence, quella pressata bianca, mi sembra che funzioni bene stando a quanto mi dice lei, forse potrebbe essere un’alternativa economica! E sempre di essence utilizzava anche le salviettine assorbi sebo. Proverò a regalarle quelle Kiko, visto che è da un po’ che non le ricompra. Io non ho particolari esigenze di lucidità, ma ho trovato il tuo post molto utile per come l’hai strutturato. E’ troppo importante ascoltare la propria pelle prima di qualsiasi acquisto e capire che non è tutto bianco e nero, ma si possono avere zone secche, lucide e cos’ via. E che soprattutto la pelle varia, il clima varia, le nostre esigenze variano. Al momento sono proprio in fase “ascolto” perché ho dei brufoletti orribili sparsi per il viso e per me che ho sempre avuto una buona pelle, mista, con solo qualche brufulazzo sporadico grande è una novità e non so come comportarmi. Forse è la crema, forse qualche sfogo ormonale (ho recentemente ripreso le pastiglie per la tiroide)? vedremo. Intanto ho la curiosità di provare uno degli idrolati di Biofficina come tonico anche se ormai sono affezionata da una decina d’anni al Garnier fresh!

    • mi piacerebbe un sacco provarla quella cipria ma… a trovarla!
      è una delle due low cost che ho in lista da un sacco di tempo, in verità me ne piacerebbe una a inci buono ma anche quell’aspetto per ora proprio è complicato D:

      anche io ho provato le assorbisebo di Essence ma… anni fa.
      non mi sento di inserirle perché non so se siano come quelle di allora e anche qui a beccarle in un espositore le comprerei volentieri per fare la prova del tempo ma non ho fortuna.

      il discorso della pelle mi sta un sacco a cuore perché tanto spesso in giro leggo o di persone che non hanno idea di che tipo di pelle abbiano, o che sbagliano il tipo per motivi misteriosi… o anche di quelle che vogliono consigli per una routine… solo che non sanno quale ^^

      ti capisco! è capitato anche a me e sono andata in crisi per il medesimo motivo…
      in bocca al lupo <3

  3. Che bel post, intendo proprio come idea, e poi come ben lo argomenti. In effetti in estate cambia un po’ tutto, per truccarsi servono delle accortezze in più, io torno a prediligere i fondi compatti minerali, ma non hanno un’alta comprenza, come creme preferisco le fluide e ad effetto mat, contorno occhi meglio se in gel ecc…
    Francesca (Giulietta Colora) recently posted…W3LL PEOPLE: NARCISSIST FOUNDATION STICKMy Profile

    • grazie mille!

      io non ho enormi preferenze/variazioni a livello base salvo per l’aspetto propriamente protettivo della pelle, ma sono in fase di continua sperimentazione per cui ovviamente qualche preferenza ce l’ho.
      In più per motivi anche di blog mi affido comunque a prodotti che poi mi diano una decente resa fotografica, e anche questo influisce temo su cosa cerco…
      Misato-san recently posted…In make up we TRUST look by MAC CosmeticsMy Profile

  4. Sempre molto utile e interessante il tuo punto di vista e la tua esperienza sull’argomento! Il mio vero problema non è tanto tenere a bada l’oleosità in eccesso ma il sudore, il viso è la zona del corpo in cui sudo di più in assoluto tutto l’anno ma d’estate diventa una cosa imbarazzante, appena qualcosa lo sfiora si bagna all’istante, mi riempio di goccioline e nemmeno le veline seboassorbenti bastano a migliorare la situazione. Anch’io uso il solare Naturado e il primer CC, come cipria la Hollywood di Neve che so hai usato a lungo mentre su di me trovo pessime le veline di Kiko, non vedo l’ora di finirle, molto meglio Shiseido anche se decisamente più costose.

  5. interessante questo post, io mi trucco come al solito a parte un po’ di cipria in più!
    chiara recently posted…Lipstick Week #15 Tinta labbra BarryMMy Profile

  6. Purtroppo per me la lucidità è un bel problema d’estate. Come te applico sempre un filtro solare sotto il trucco (protezione 50+) che inevitabilmente mi fa strato e mi fa lucidare più del solito. Il mio problema si verifica solo sul naso, mentre sul resto del viso ho la pelle secca. Anche io uso le veline assorbisebo, in questo periodo quelle di Essence, ma voglio provare quelle di Kiko.
    Quanto alla cipria, io non ho ancora trovato la pace dei sensi…devo ancora scovare quella perfetta per me!
    Ottimo post, as usual ;-)
    Baci!
    Storie di ordinaria beltà recently posted…Mousse Doccia Tè Verde e Neroli – L’Erboristica di Athena’s – ReviewMy Profile

  7. Io, nonostante il caldo, non cambio particolarmente la mia routine, se non per il fondo che da liquido passa in polvere. Per il resto mantengo tutto uguale, perché appena metto qualcosa di poco meno idratante, la mia pelle si incazza da morire…insomma, pelle secca e sensibile tutto l’anno! XD
    Bio Marina è una marca che mi incuriosisce tanto ma che ancora devo provare (spero a breve)…
    Biofficina è sempre Biofficina per me ed i loro prodotti trovo siano sempre un valido alleato (tu hai citato l’idrolato ed il contorno occhi, ma anche tutto il resto della linea è super valido e non ho ancora trovato un prodotto che non mi piaccia!!).
    La Casa Dei Gufi recently posted…Zoeva: Mineral BlushesMy Profile

  8. Finalmente si parla di pelle che in estate va opacizzata! Sembra che in estate tutte possano permettersi i fondotinta cushion leggeri e luminosi.. Io il cushion lo posso mettere da novembre in poi è solo se il brufolo ormonale è sedato dalla pillola.
    In estate idratante leggero, crema contorno occhi ( anche io uso quella Cien al melograno) poi fondo solare in polvere Spf 30 Shiseido o BBCream opacizzante o il FlatPerfection di Neve più terra. Salviette opacizzanti in borsa come se piovessero. Le Kiko sono il top.
    Se non avessi troppa roba incominciata correrei a testare il fondo Prolongwear waterproof, che lo sento nelle mie corde estive…

  9. Cinzia D says:

    Io con il caldo mi trucco sempre , il trucco non mi ha mai dato fastidio con le alte temperature ! Mantengo tutto uguale all’inverno come primer occhi, Ud , e quello per viso Sephora, cambio solamente crema viso , ne scelgo una leggera e devo dire che la Biomarina mi attira molto ! Poi uso solo fondi compatti in polvere , adoro Lingerie de Peau Guerlain e Mufe Pro Finish , dei minerali ottimo il Meow Pampered Puss , tiene tantissimo a bada il lucido !!

  10. Bloodile says:

    Post super interressante Misato! La mia pelle acneica e mista in estate diventa super lucida,senza contare che sono una che suda molto,quindi capirai il mio dolore XD Negli anni ho imparato a scegliere i prodotti giusti,in questo periodo sto usando il Sun Fluid 50+ di Eucerin come base trucco,poi uso il fondo in polvere Celebration Foundation di It Cosmetics (preso su Beautylish per 35 dollari,ma li vale tutti) che è super coprente,per le occhiaie uso il Fit Me di Maybelline,fantastico per il mio contorno occhi secco perchè non segna e non fa pieghette,e per le imperfezioni il Prolongwear di Mac,che è imbattibile come penso tu sappia già. Solo se esco la sera metto il fondo liquido,uso lo Studio Fix Fluid che è piuttosto pesante ma ne metto un velo sottilissimo e opacizzo bene con la cipria De-Slick di UD.

  11. Lo sai, mi ritengo una delle fortunate (eh si, diciamolo!) che d’estate non rinuncia al trucco manco morta. Pure con 40 gradi e pure coi miei modi di fare, che mi portano a camminare in giro a tutte le ore del giorno e per ore.
    Pero’ non sono lontanamente brava quanto te XD. Ancora lotto per finire ciprie che non mi piacciono e non mi aiutano contro il lucido. Poi mettici che a me piacciono di piu’ i fondotinta luminosi, e tranne quelli minerali, gli altri che ho sono tutti cosi’…
    Comunque in questo post mi e’ piaciuta molto l’idea di parlare dei solari e di come si rapportano ai fondotinta. In futuro, se farai nuove prove, sarebbe molto interessante un post dedicato :).

    • anche io la ritengo una fortuna in un certo senso, anche se a volte penso che la rinuncia sia dovuta a timore oppure a fallimenti del passato con conseguente scocciatura…

      ma anche io lotto eh XDDD
      solo che di solito le ciprie poco opacizzanti etc per me vanno in inverno (qualcosa ho anche regalato in verità), oppure a quei giorni dove ho meno bisogno di essere impeccabile.
      C’è da dire che la mia pelle è un po’ cambiata perché a distanza di giorni e giorni dal post posso dire che io quest’anno la blot non la sto quasi toccando, e se non ne sento l’esigenza… qualcosa vuol dire.

      la vedo dura, perché cercando di prendere meno sole possibile non consumo neanche tante creme solari da poter accumulare materiale per il post.
      Mi spiace che sia un argomento molto poco gettonato, non capisco perché in verità.
      Misato-san recently posted…FOTD: Chemical Bond (feat. Nabla Cosmetics Mermaid Collection + Sugar, Calypso, Juno Moon 7)My Profile

  12. Per me il trucco d’estate è un vero problema: mi lucido moltissimo e anche se non ho una brutta pelle, se mi trucco si scioglie tutto e sembra ancora peggio la situazione. Purtroppo con i rossori lotto tutto l’anno e ho sempre bisogno di un po’ di base viso: ora sto testando il prolonger Mac ma più che il fondo fa tanto la cipria giusta. Ne ho provate tantissime, quelle hight cost sono purtroppo le migliori: la Too faced e la Mac blot sono le più adatte a tamponare il problema tra quelle provate finora. Ogni tanto uso anche il bare minerals in polvere, una bomba per la,lucidità. Ma senza ritocco, ahimè miracoli non si fanno!
    Lenuccia recently posted…Viaggi – Tips&tricks per lunghi itinerari / Stati Uniti d’AmericaMy Profile

    • ovvio, è un effetto brutto che nessuno vorrebbe!

      nel mio caso il fondo è la prima cosa… col Prolongwear waterproof (tu quale versione hai preso?) per esempio non ho bisogno della Blot ma mi basta una cipria meno opacizzante!

      io non le trovo neanche costosissime ti dirò, specie la Blot… perché durano un sacco e perché ci sono colleghe che costano mooooolto di più (penso a quella che bramo di Chanel XDDDDD ma che credo andrà al 2017, perché ho parecchie ciprie al momento)

      Penso che il ritocco serva sempre e comunque… l’idea di stare da mattina a sera senza sistemarsi è tanto bella quanto utopistica…
      Misato-san recently posted…Ciao ciao… o no? – i miei prodotti finiti (luglio 2016) – reviews varie!My Profile

  13. Prima o poi dovrò decidermi a comprare la Primed and Poreless!! :)

  14. Mai provata l’anthelios tocco secco? Io l’ho scoccata a mia madre e l’impressione è a dir poco ottima

  15. Commento in super ritardo ma volevo testare bene la mia pelle d’estate per capire l’andazzo.
    La mia è cambiata tantissimo, si lucida ancora un po’ ogni tanto, ma niente a confronto dell’anno scorso, tanto che per me il minerale inizia ad essere “troppo”. L’ho usato qualche volta e ho sempre notato che se non metto un chilo di crema o un siero molto idratante sotto mi fa effetto cakey, soprattutto su naso e fronte.
    Mi è successo anche con alcuni fondi liquidi (quelli da sbattere tipo il l’oreal simil acqua).
    La pelle in generale mi si è seccata molto, ho cambiato quasi completamente routine, quella di quest’estate era composta da tonico idratante, siero, bbcream home made (simil fondotinta in realtà) e cipria non troppo disseccante.
    Non mi sono MAI servite le veline o i ritocchi, a parte un paio di volte di caldo tremendo, solo in quei casi ho usato una cipria abbastanza strong di silica e dryflo (amido modificato) tipo quella di kiko trasparente. Si parla di ritocchi fatti comunque dopo 6/7 ore sotto il sole, in cui ho sudato e tutto, ma non mi sono lucidata come ai bei tempi.
    Altrimenti solo cipria simil LeClerk, che ho fatto io e a cui ho aggiunto una mica illuminante, che fissa senza appesantire.
    Mi mette molto in confusione questa “pelle nuova”, ho anche iniziato a fare maschere idratanti da alternare a quelle all’argilla, ho paura più che altro per quest’inverno perché non ho idea di che prodotti potranno funzionare.
    Rs recently posted…Maschera scrub delicata e asciugante al riso e cetrioloMy Profile

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: