TIPS: Pulire i pennelli da trucco con l’avio, perché e come fare

TIPS: Pulire i pennelli da trucco con l'avio, perché e come fare Il tema della cura e della pulizia dei pennelli è uno di quelli che ritorna ciclico su questo blog da anni; già agli esordi ne scrivevo (qui), e per quanto il post in sé fosse acerbo buona parte di quella routine è ancora valida e a quei consigli ancora credo tutt’oggi.

Nel corso degli anni vi ho parlato anche di alcuni dei miei detergenti preferiti, tipo quello di MAC che resta il mio preferito per rapporto quantità-qualità-prezzo, di quello di Sephora (qui che mi piace molto meno… qualcuno ve l’ho risparmiato perché mi è sfuggito, tipo quello di Kiko che è meglio del Sephora ma peggio del MAC e costa soprattutto troppo per la quantità che propone… vi ho anche raccontato dei due saponi che preferisco in assoluto per la pulizia settimanale (qui e qui) perché è una pratica a cui non rinuncio e provando tanti saponi, shampoo etc diversi ho imparato che non sono tutti uguali, che specie i pennelli imbevuti di prodotti cremosi quali fondotinta e correttori hanno bisogno di quel qualcosa in più, e che siccome si tratta di attrezzi che devono durare nel tempo la pratica del riciclare su di essi prodotti che non sono andati bene per i miei capelli proprio non mi si addice.

TIPS: Pulire i pennelli da trucco con l'avio, perché e come fare

Ultimamente ho cominciato a parlarvi dell’Avio, che da qualche mese è presenza fissa in casa.
Usare l’avio per pulire i pennelli è probabilmente il metodo professionale per eccellenza, quello che viene insegnato agli aspiranti truccatori nelle scuole, quello che si sfrutta in situazioni di lavoro a ritmi sostenuti (per esempio nei backstage delle sfilate o delle trasmissioni televisive); è anche molto semplice ed economico e alla portata anche dei comuni mortali appassionati.

Cos’è l’avio
L’avio o benzina avio è uno smacchiatore potente che viene usato in origine per macchie di olio, grasso, cera… è facile vederlo nelle lavanderie perché è una sorta di vecchio “rimedio della nonna” ancora in uso… ed è efficacissimo anche sui pennelli.

Dove si compra l’avio e quanto costa
L’Avio è reperibile nei negozi di articoli per la casa, al supermercato, dai cinesi che hanno il reparto che gli americani chiamerebbero drugstore… c’è pure su Amazon!
Non esistono grosse differenze tra i marchi e il prezzo medio di una bottiglia da 375ml (io ammetto di non averne mai viste in altri formati, per lo meno nei negozi al dettaglio citati) è sull’euro e mezzo (solo un paio di volte l’ho visto sopra i 2 euro e allora… ho cambiato negozio XD ).

Quali precauzioni tenere per usare l’avio
L’avio è qualcosa che non è bene respirare, perché le sue esalazioni non sono salubri, per cui è bene aprire prima finestra o balcone del locale dove lo si utilizzerà.
Inoltre è infiammabile, quindi è da utilizzare velocemente e lontano da fonti di calore.
E’ meglio non usarlo su superfici di legno perché potrebbe lasciare alone e corroderlo.

TIPS: Pulire i pennelli da trucco con l'avio, perché e come fare

Come si usa praticamente
Ci sono due metodi:
– si intinge il pennello nel prodotto (io di solito uso un bicchiere di plastica o di vetro scelti per lo scopo) per pochissimi secondi, e poi lo si passa su un foglio di carta assorbente finché rilascia colore, dopo di che si mette ad asciugare il pennello in orizzontale… bastano davvero pochi secondi perché esso torni utilizzabile!
– si versa un po’ di avio su un foglio di carta assorbente e poi vi si passa sopra pennello per pennello finché non scarica tutto il prodotto accumulato.

Bisogna essere veloci e non inzuppare il pennello di prodotto perché non serve e potrebbe essere deleterio per la vita dello stesso, e in pochi secondi lo si avrà come nuovo, pronto al riutilizzo, perché l’avio evapora velocemente senza lasciare traccia di sé né odore di sorta, il che spiega perché sia amato dai professionisti… e da chi come me magari fa trucchi che richiedono molti pennelli, o a volte gli stessi pennelli per i due occhi ma con colori diversi… per esempio questo senza l’avio non avrei proprio potuto farlo!

E questo è tutto quello che dovete sapere per vivere felici, contenti e coi pennelli puliti, ci vogliono pochissimi minuti quindi a meno di non accumulare pennelli sporchi (perché lo fate? ç_ç ) non è neanche noioso.

Voi avete mai usato l’avio per pulire i pennelli?
Che metodi preferite?

Comments

  1. Ammetto di non averlo mai cercato. In genere uso il pulitore Mac per tutti i giorni e All in One Dr Bronner un paio di volte alla settimana per pulizie più profonde.
    I pennelli con cui uso roba in crema li lavo giornalmente sempre con quest’ultimo.
    LaDama Bianca recently posted…Schmidt’s – Deodorante in Stick Rosa e VanigliaMy Profile

  2. Grazie per il consiglio e le istruzioni.
    Non l’ho mai usato (né visto prima), immagino possa tornare davvero utile in determinate situazioni.
    In questo periodo io sto usando un sapone solido Da Vinci ideato proprio per la pulizia dei pennelli. Non ti nascondo che avendone pochi non mi pesa affatto pulirli, quindi è una cosa che faccio regolarmente e con piacere. Avendo la pelle soggetta a impurità non potrei fare diversamente.

  3. L’ho comprato di recente proprio perché lo avevi consigliato in un post su facebook ma ancora lo devo mettere alla prova, adesso lo farò con più cognizione di causa direi :D
    Grazie :*
    Skinki recently posted…Black Friday e Cyber MondayMy Profile

  4. L’unica cosa che mi perplime dell’avio è questa : come si smaltisce? non penso sia cosa buona buttarla nel water o nello scarico del lavandino…
    Vanessa | So Fashion recently posted…Prodotti FinitiMy Profile

  5. Interessante, vedrò di provare anche questo prodotto. Di solito, per pulire i pennelli uso il sapone di Aleppo. I pennelli che sono sporchi di prodotti cremosi o molto colorati li lavo subito, altrimenti ogni due/tre utilizzi massimo (come la spugnetta, se la uso la lavo al massimo la volta dopo.
    lenuccia recently posted…Correttori per tutte le stagioni – Review Nars, Rimmel, l’Oreal, Benefit e CliniqueMy Profile

  6. Elena Piccinelli says:

    Mai provato, ma accolgo subito il suggerimento e vado ad acquistarlo. Grazie della dritta.

  7. Io uso il brush cleanser di Mac soprattutto per i pennelli occhi, per passare rapidamente da un colore all’atro. I pennelli viso, invece, li uso al massimo una settimana e poi gli faccio il “bagnetto” con una saponetta bio allo zolfo. Ho un pennello “sostituto” che uso nel mentre che sono bagnati, ma comunque il giorno successivo sono già asciutti ;-)
    Però sta cosa dell’Avio mi ispira parecchio… pensa che ne ho una bottiglietta in casa, magari provo subito ^_^
    Storie di ordinaria beltà recently posted…On-the-go makeup bagMy Profile

  8. Giuliana Andrea says:

    Ciao ciao cara XD
    La prima volta che ho sentito parlare di questo metodo adottato dai makeup artist,è stata proprio quando ce ne parlasti tu.
    Conosco l’avio perché viene usato ad esempio negli alberghi per smacchiare la moquette.
    Per pulire i pennelli occhi di cui non ho doppi oppure che mi piacciono di più,uso il brush cleanser MAC da poco tempo. Fino a qualche tempo fa lo facevo io con una ricetta che avevo trovato in rete. Finiti due ingredienti,ho deciso di prendere il MAC.
    Da quanto scrivi l’avio potrebbe risolvere il problema dei pennelli viso,che sebbene il clima qui sia mediamente mite,ci mettono circa 2 giorni per essere asciutti. Io faccio due volte a settimana i bagnetti ai pennelli. Non che mi manchino i pennelli eh,solo che ne ho alcuni che trovo più performanti. O meglio,che io trovo performanti,oppure sono quelli più nuovi che mi preme provare con l’ultimo blush entrato in casa ad esempio. Mentre alcuni asciugano uso altri pennelli.

    So che l’avio evapora molto velocemente,per pulire i pennelli sporchi di Fondotinta in crema suppongo ci vogliano più strofinate/passate. Vero?
    Tu usi direttamente lo ‘strap’ del rotolone giusto? Te lo chiedo perché a volte nel restauro,per pulire alcune sostanze di fa il pannetto imbottito. Si pone un batuffolo di cotone idrofilo col diluente al centro dello straccetto o della carta. Così rilascia sullo straccio in più tempi il diluente e si fanno rapidamente più passate. È utile quando non si vogliono immergere i pennelli con setole più delicate in quanto il diluente nitro e l’acquaragia sono potenti e aggressivi. C’e’ da valutare poi che i diluenti evaporano meno velocemente.

    Non resta che provare

Speak Your Mind

*

CommentLuv badge

Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers:

%d bloggers like this: